Essen

In fase di valutazione il premio «Capitale verde europea 2016». Una tra le 5 candidate finaliste meriterà l’ambito riconoscimento godendone di tutte le ricadute, a cominciare dall’accresciuto interesse  turistico


•• La città dei miracoli «verdi» potrebbe essere Essen, Lubiana, Nijmegen, Oslo o Umeå. Queste, infatti, le eccellenze europee in fatto di rispetto e organizzazione ambientale individuate dalla Commissione europea per concorrere al premio Capitale verde europea 2016. Così, Germania, Slovenia, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia, presentano i loro rispettivi «fiori all’occhiello» alla prossima tappa della selezione. Il titolo è assegnato ogni anno a una città europea, premiandola per i risultati ottenuti sul fronte della sostenibilità ambientale. Finora potevano partecipare le città europee con più di 200.000 abitanti, ma quest'anno per la prima volta sono state ammesse anche quelle con almeno 100.000 abitanti.

Janez Poto?nik, Commissario europeo responsabile per l'Ambiente, ha dichiarato al riguardo: "A contendersi il titolo di Capitale verde europea 2016 è un gruppo molto eterogeneo, che vede fianco a fianco città grandi e piccole. È incoraggiante vedere la qualità di queste candidature, tutte accomunate dalla coalizione di forze tra autorità locali e cittadini per migliorare l'ambiente urbano e promuovere lo sviluppo sostenibile".

Essen, Lubiana, Nijmegen, Oslo e Umeå sono state scelte tra le 12 città europee che si sono candidate per questa edizione e che sono state valutate da una giuria indipendente di esperti in base ai seguenti indicatori:

  • cambiamenti climatici: mitigazione e adattamento;
  • trasporti locali;
  • uso sostenibile del suolo nelle aree verdi urbane;
  • natura e biodiversità;
  • qualità dell'aria;
  • qualità dell'ambiente acustico;
  • produzione e gestione dei rifiuti;
  • gestione delle risorse idriche;
  • trattamento delle acque reflue;
  • ecoinnovazione e occupazione sostenibile;
  • prestazioni energetiche;
  • gestione integrata dell'ambiente.

Il 23 giugno prossimo segna la prossima tappa, quando le città rimaste in lizza dovranno presentare alla giuria riunita a Copenaghen, attuale Capitale verde europea, la loro visione, la loro capacità di fungere da modello per altre città e la loro strategia di comunicazione. La città vincitrice sarà proclamata il giorno successivo, 24 giugno, durante la cerimonia di premiazione ufficiale a Copenaghen.

Dal 2010, data della prima edizione del premio, sei città si sono guadagnate il titolo di Capitale verde europea: Stoccolma è stata la prima, seguita da Amburgo nel 2011, Vitoria-Gasteiz nel 2012 e Nantes nel 2013. L'attuale detentrice è Copenaghen, che passerà il testimone a Bristol nel 2015.

Con più di tre quarti della popolazione che vive in città di grandi e medie dimensioni, l'Europa è oggi una società fondamentalmente urbana. Le zone urbane sono all'origine della maggior parte dei problemi ambientali, ma sono al tempo stesso il luogo in cui troviamo l'innovazione e l'impegno necessari per risolverli. Il titolo di Capitale verde europea è un'iniziativa ideata per riconoscere gli sforzi delle città sul fronte ambientale, stimolarle a fare di più, dare visibilità alle migliori pratiche e incoraggiarne lo scambio tra le città europee.

La città vincitrice, oltre a rappresentare un esempio per altri centri urbani, consolida la sua  reputazione tanto da divenire una meta turistica o un luogo di lavoro e residenza più interessante…


Roberta Di Giuli


Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.