Spreco alimentare

Ogni anno viene sprecato un terzo del cibo che produciamo. Ridurre questo dato del 50% entro il 2020 è l’obiettivo del Protocollo di Milano rilanciato dalla Fondazione Barilla, che delinea i punti su cui agire per ridimensionare il fenomeno. Percorso obbligato: intervenire su tutta la filiera


Un Pianeta affamato non può sprecare cibo. Eppure ogni anno va in scena un assurdo paradosso: la perdita di circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, un terzo della produzione mondiale e l’equivalente di quasi 1 trilione di dollari in valore. Una percentuale inaccettabile, specie a fronte di un altro dato: basterebbe un quarto del cibo sprecato per nutrire i 795 milioni di persone che soffrono la fame!

A puntare il dito su quella che rappresenta una drammatica contraddizione mondiale è la «Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition» (BCFN) che rilancia l’obiettivo del Protocollo di Milano di ridurre lo spreco di cibo del 50% entro il 2020, sottolineando l’importanza di un impegno concreto e urgente da parte di tutti.

Ma cosa fare? La Fondazione sottolinea la necessità di agire sull’intera filiera, dagli agricoltori ai consumatori, attraverso attività di prevenzione, per evitare gli sprechi fin dall’inizio del processo produttivo, e poi imparando a riutilizzare gli avanzi di cibo per l’alimentazione umana e per quella animale, ed infine per la produzione di energia e compostaggio.

Il percorso dello spreco

Ogni fase della catena di produzione del cibo porta con sé una percentuale di spreco. A torto se ne dà maggiore responsabilità alla parte finale del processo, cioè quella che riguarda distribuzione, vendita e consumo (foodwaste, secondo la definizione della FAO). In realtà la perdita avviene già nella fase di produzione agricola, dopo la raccolta e con la trasformazione degli alimenti (foodlosses). A dettare legge su sprechi e perdite sono innanzitutto le condizioni locali specifiche dei diversi Paesi.

Lo spreco di cibo da parte dei consumatori è in media tra i 95 e i 115 kg pro capite all'anno in Europa e nel Nord America mentre i consumatori di Africa sub-sahariana, sud e sud-est asiatico, ne perdono circa 6-11 kg all'anno. Nei paesi in via di sviluppo il 40% delle perdite avviene dopo la raccolta o durante la lavorazione, mentre nei paesi industrializzati più del 40% delle perdite si verifica nelle fasi di vendita al dettaglio e consumo finale. Complessivamente, tuttavia, i paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo tendono a dissipare all'incirca la stessa quantità di cibo, rispettivamente 670 e 630 milioni di tonnellate.

Gli effetti sull’ambiente

Altra vittima illustre dello spreco è l’ambiente, che inutilmente «respira» 3,3 miliardi di tonnellate di CO2, il carbon footprint del cibo sprecato globalmente.

“Gli sprechi alimentari hanno un impatto negativo sull’ambiente, sull’economia, sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione - afferma Ludovica Principato, dottoranda in Management presso la «Sapienza» Università di Roma e ricercatrice della Fondazione BCFN - Il carbon footprint globale del cibo perso e sprecato a livello globale è di circa 3,3 miliardi di tonnellate di CO2 ed equivale al 6-10% circa delle emissioni di gas serra antropogeniche, cioè prodotte dall’uomo. Se gli sprechi alimentari fossero rappresentati da un Paese, questo sarebbe il terzo principale produttore di anidride carbonica, dopo Stati Uniti e Cina (http://www.fao.org/docrep/018/i3347e/i3347e.pdf). Lo spreco inoltre comporta una riduzione della disponibilità globale e locale di cibo ed ha un impatto negativo sull'accesso al cibo da parte delle persone a causa ad esempio dell’aumento dei prezzi, con ripercussioni soprattutto sulla parte più vulnerabile della popolazione come le donne e i bambini”.

“Il cambiamento climatico sia in termini di riscaldamento globale che di scarsità delle precipitazioni in alcune regioni del Pianeta - commenta Riccardo Valentini, professore ordinario all’Università della Tuscia e membro dell’Advisory Board BCFN - contribuirà ad aumentare i prezzi globali dei beni alimentari in una forbice dal 3% all’84% entro il 2050, con serie minacce per la produzione di cibo e la sicurezza. Attualmente sono oltre 800 milioni le persone che soffrono gravemente di malnutrizione nel mondo e circa 36 milioni muoiono per mancanza di cibo. Affrontare con successo il problema dell’accesso al cibo è quindi la grande sfida degli anni a venire”.

Anche l’Italia ha una storia di sprechi da raccontare: va perduto il 35% dei prodotti freschi (latticini, carne, pesce), il 19% del pane e 16% di frutta e verdura. La perdita totale di cibo presenta un conto da 1.226 milioni di m3 l’anno di acqua, pari al 2,5% dell’intera portata annua del fiume Po, e produce l’immissione nell’ambiente di 24,5 milioni di tonnellate CO2 l’anno, di cui 14,3 milioni pergli sprechi domestici. L’assorbimento della sola CO2 prodotta dallo spreco domestico in Italia richiede una superficie boschiva maggiore di quella presente in Lombardia.

Le soluzioni possibili

Il BCFN propone alcune specifiche e concrete raccomandazioni per ridurre le dimensioni e l’impatto dello spreco di cibo. In sintesi:

• Ridurre per recuperare meno: investire prima nella riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari e poi sul loro recupero.

• (Ri)utilizzare: avviare iniziative di recupero degli sprechi non ancora eliminati, attraverso la distribuzione a persone svantaggiate, l’impiego come mangime o, come ultima alternativa, per produrre bioenergia.

• Una priorità politica: governare la riduzione dello spreco a livello istituzionale, anche assicurando che l’adozione di standard non introduca perdite e sprechi ingiustificati lungo la filiera agroalimentare.

• Cooperare per risparmiare: sviluppare accordi di filiera tra agricoltori, produttori e distributori per una programmazione più corretta dell’offerta alimentare.

• Informare per educare: rendere il consumatore consapevole dello spreco e insegnargli come rendere più sostenibili l’acquisto, la conservazione, la preparazione e lo smaltimento finale del cibo.

Tutte le diverse soluzioni possibili conducono ad una stessa via maestra: intervenire lungo tutta la filiera alimentare, dagli agricoltori alle aziende di trasformazione e distribuzione fino al consumatore finale. Perché la soluzione al paradosso dello spreco di cibo - sottolineano alla Fondazione - è una responsabilità condivisa.


Roberta Di Giuli
[05 Giu 2015]



Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.