Bosch logo missione ambientedi Michela Diamante • La IV edizione di «Bosch Missione Ambiente» - Speciale Tecnologia, dedicata alle scuole, è giunta al traguardo. Tre i «geniali» vincitori

 

È l’idea, l’intuizione, la soluzione strategica di un problema a creare l’invenzione. L’invenzione valida può trovare applicazione, può rappresentare un business e, soprattutto, ha un ruolo strategico: spingere il mondo un po’ più avanti. Gli inventori di ieri e di oggi li conosciamo, ma quelli di domani? Non sappiamo chi sono, è vero, ma sappiamo bene dove si trovano oggi: oggi sono tra i banchi di scuola...!

 

Consapevole di questo, un’azienda leader è tornata per la quarta volta nelle scuole primarie italiane con un nuovo progetto dedicato alla tecnologia, per stimolare i «talenti delle invenzioni» di domani. Il progetto didattico creativo denominato «Bosch Missione Ambiente» ha coinvolto circa 200 scuole.

 

La sfida dell’energia

Quest'anno il tema scelto è stato l'energia e le invenzioni che aiutano a risparmiarla. Una tematica che ha rappresentato anche l’occasione per sensibilizzare alunni e famiglie sui temi dello sviluppo sostenibile. Agli alunni delle scuole aderenti all'iniziativa è stato chiesto di inventare una tecnologia in grado di migliorare un aspetto della vita, attraverso l'utilizzo consapevole delle fonti di energia nuove o esistenti, al fine di salvaguardare l'ambiente ed evitare gli sprechi nella vita di tutti i giorni.

 

I ragazzi hanno scelto di realizzare i progetti utilizzando disegni, testi, grafici e fotografie. Per stimolare l'inventiva, le classi hanno ricevuto un kit didattico completo di manuale docente, schede esperimenti, giochi Clementoni e materiali Stabilo. Inoltre, dal sito www.boschmissioneambiente.it, è stato possibile scaricare il kit didattico completo e i video esperimenti. I progetti, che dal 26 settembre al 6 ottobre saranno tutti in mostra al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, sono stati selezionati da una giuria di esperti che ha decretato i tre vincitori assoluti:

? Classe V Casa del Fanciullo - Fraz. Ivaccari (PC) - Progetto Casette.

? Classe V Istituto Calasanzio - Empoli (FI) - Progetto teiera.

? Classe V Alessandro Manzoni - Casciago (VA) - Progetto rubinetto, pareti mobili & ruota criceti.

 

Le prime tre scuole vincitrici riceveranno un «laboratorio di tecnologia», composto da un Pc portatile, un kit di produzione di energia rinnovabile, una macchina elettrostatica di Wimshurst, un calorimetro ad acqua e un motore dinamo alternatore. Mentre, dalla IV alla X scuola classificata, ci sono in palio tanti premi forniti dai partner del progetto Stabilo e Clementoni per continuare a imparare sperimentando.

 

Tutti i lavori saranno esposti presso il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano dal 26 settembre al 6 ottobre. Le prime tre invenzioni classificate diventeranno veri prototipi tridimensionali. I ragazzi, oltre ad essere i protagonisti della mostra, potranno visitare il museo e un'area interattiva a loro dedicata. Una casa virtuale eco-compatibile, con la tecnologia verde di Bosch, dal pannello fotovoltaico alla lavatrice a risparmio energetico, farà conoscere ai ragazzi i piccoli accorgimenti per vivere la casa riducendo gli sprechi nel rispetto dell'ambiente. Infine, nell'area sperimentazioni, potranno divertirsi con i laboratori didattici, esperimenti, giochi e disegni in compagnia degli animatori di Missione Ambiente.

 

Michela Diamante

 

Bosch Missione Ambiente - L'energia per inventare!
dal 26 settembre al 6 ottobre 2012


Museo della Scienza e della Tecnologia
«Leonardo da Vinci»
Via Olona, 6 - Milano


Orari apertura:

martedì-venerdì dalle 10.00 alle 17.00
sabato-domenica dalle10.00 alle 18.00


Animatori e laboratori

Per prenotazioni: tel. 02.83 101 146
sabato 29 e domenica 30 settembre - martedì 2 e mercoledì 3 ottobre

Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.