Rilasciata l’«Autorizzazione Integrata Ambientale» allo stabilimento ILVA di Taranto, che si dice pronto all’applicazione

Con l’acquisizione dei pareri dei Ministri della Salute, del Lavoro e delle Politiche Sociali, degli Interni, dello Sviluppo economico e delle Politiche agricole, alimentari e forestali, il Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, ha concluso la procedura per il rilascio della Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) allo stabilimento ILVA di Taranto.

L’Autorizzazione, sulla base di quanto richiesto il 5 marzo 2012 dal Presidente della Regione Puglia, aggiorna la precedente AIA rilasciata il 4 agosto 2011 in merito alle prescrizioni relative alle aree a caldo, ed alle aree di stoccaggio e movimentazione, dello stabilimento, con particolare riferimento alle emissioni di polveri e di benzo(a)pirene, sia convogliate che diffuse, nonché alle altre emissioni inquinanti quali diossine e furani.

Con successivi provvedimenti entro il 31 gennaio 2013 si procederà a disciplinare: discariche interne, gestione dei materiali, sottoprodotti e rifiuti inclusi, gestione delle acque e delle acque di scarico; entro il 31 maggio 2013, le restanti aree ed attività dello stabilimento non considerate, nonché il sistema di gestione ambientale e la gestione energetica.

L’Autorizzazione stabilisce l’applicazione anticipata al 2012 delle prescrizioni europee - che entreranno in vigore nel 2016 - per l’impiego delle migliori tecniche disponibili (BAT) per la produzione di ferro e acciaio pubblicate nella G.U. dell’Unione Europea l’8 marzo 2012 n. L70.

L’Autorizzazione recepisce, inoltre, le prescrizioni della Regione Puglia in applicazione delle leggi regionali per la regolazione delle emissioni di diossine e furani, il contenimento dell’inquinamento da benzo(a)pirene, e la tutela della salute nelle aree pugliesi già dichiarate a elevato rischio ambientale.

Le prescrizioni tengono conto delle raccomandazioni del Ministero della Salute sulla base dei dati epidemiologici aggiornati, nonché della proposta del medesimo Ministero per l’istituzione a Taranto di un «Osservatorio e sistema di monitoraggio sanitario».

Viene stabilito un crono programma, con misure urgenti da adottare entro tre mesi e successivi interventi da completare entro il 2014.

L’ILVA, con comunicato stampa del 26 ottobre, ha dichiarato “abbiamo esaminato nel dettaglio le prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale. Ilva intende applicare quanto richiesto dal provvedimento. Stiamo lavorando ad un piano industriale con l’obiettivo di verificare la sostenibilità finanziaria degli investimenti alla luce dei nuovi limiti imposti dall’AIA. Il Gruppo intende continuare a lavorare e non si sottrae alla responsabilità di fare impresa, sia per tutelare le decine di migliaia di posti di lavoro sia l’economia del Paese. Le prescrizioni a cui ci dobbiamo adeguare richiedono in breve tempo investimenti imponenti che ai nostri concorrenti europei sarà consentito fare tra molti anni. Non va dimenticato che ILVA sino ad oggi ha investito 4,6 miliardi di euro nello stabilimento di Taranto per l’ammodernamento tecnologico e l’ambientalizzazione. Presupposto imprescindibile per l’attuazione del Piano è la piena disponibilità degli impianti, oggi sotto sequestro”.


Luca Strinati
Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.