Risalita Tevere 2012 - ProtectawebL’Associazione Assonautica Romana organizza la navigazione del fiume. È l’occasione per porre l’accento sul suo degrado. Una possibile risorsa turistica e ambientale del nostro Paese è divenuta vergognoso esempio di incuria…


•• Il Tevere è un patrimonio in degrado. Testimonianza eclatante dell’incapacità di preservare, saper gestire, valorizzare e «utilizzare» quanto la natura e la storia hanno trasmetto al nostro Paese ingrato. Oggi la navigazione fluviale è preclusa anche ai fini turistici ed è proprio notizia di pochi giorni fa che la società Battelli di Roma non ha riavviato il servizio di navigazione poiché tronchi, plastica e ogni genere di immondizia rendono pericoloso il corso del fiume della Capitale. A Parigi si può navigare sulla Senna, a Londra si può vedere la città sul Tamigi ed a Vienna si può ballare il valzer sul bel Danubio blu oppure raggiungere Bratislava o Budapest.

Rifiuti nel Tevere - E a Roma? La Capitale per eccellenza? A Roma la navigazione turistica sul Tevere è proibita a causa dell’incuria e il degrado in cui versa il fiume. Per porre l’attenzione su questo incredibile primato negativo.

La manifestazione vuole lanciare un messaggio a tutti gli appassionati e sensibilizzare gli enti pubblici e le amministrazioni coinvolti affinché vengano affrontati i problemi connessi alla navigabilità del Tevere. Assonautica Romana è infatti tra i principali promotori per la realizzazione del Tevere come via prediletta per percorsi ambientali e turistici che dal centro di Roma arrivino fino a Fiumicino e Ostia. Con lo slogan «nuova vita al Tevere» un gruppo di equipaggi partecipanti alla risalita del Tevere si ritroveranno a Fiumicino ed a bordo di gommoni e imbarcazioni effettueranno la navigazione del fiume fino nel cuore di Roma. Poi torneranno a Fiumicino per la consueta manifestazione di chiusura, presso il Cantiere Giada 96.

 

[Redazione PROTECTAweb]
Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.