Il Ministro Gian Luca Galletti: Abbiamo lavorato per erigere ponti'


"Poteva essere un G7 della rottura e invece è stato il G7 del dialogo e un documento finale condiviso all'unanimità ne è la riprova” così il Ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, a conclusione del G7 Ambiente a Bologna.

Il Ministro ha confermato che per sei dei sette Grandi (esclusi gli USA) "l'accordo di Parigi sul clima è irreversibile, non negoziabile ed è l'unico strumento possibile per combattere i cambiamenti climatici" aggiungendo: "ci siamo impegnati per costruire ponti, non muri e per il futuro auspico un dialogo con gli USA". Ricordiamo che il delegato americano Scott Pruitt, che ha lasciato Bologna subito dopo l’apertura del vertice, ha affidato le conclusioni a un comunicato stampa in cui ribadisce la posizione degli Stati Uniti: “Parigi non è la sola strada per fare progressi” e “per raggiungere il consenso abbiamo riavviato il dialogo sul clima secondo le nuove priorità dell’Amministrazione Trump e le aspettative degli americani”.

Il G7 Ambiente di Bologna si è chiuso con un documento finale di 15 pagine (si apre con l'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile) con 11 obiettivi da raggiungere sui temi affrontati nella due giorni del vertice internazionale. 

[12 Giu 2017]

Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.