Settimana Europea Energia SostenibileL’ottava edizione della settimana europea dell'energia sostenibile è l’occasione per presentare i più interessanti progetti in materia di efficienza. Un premio incoronerà il migliore

 

•• L’Europa unita intorno all’energia sostenibile. È quello che succede dal 23 al 27 giugno con l’edizione annuale numero 8 dedicata al settore che più di altri gioca un ruolo da protagonista nella spinta alla crescita economica che fa i conti con le esigenze ambientali. Così, nel palcoscenico europeo più importante del vecchio continente, sfilano temi quali energie rinnovabili, efficienza energetica, ottimizzazioni e risparmio sia a livello pubblico che privato. All’appello: enti pubblici, agenzie per l'energia, aziende, organizzazioni non governative e associazioni di settore, tutti uniti nella sfida al perseguimento degli obiettivi energetici e climatici indicati dall'Unione europea.

Un premio per i più «efficienti»

L’Europa, dunque, all’opera per far sentire tutta la sua…energia! Organizzati 556 eventi che andranno avanti per tutto il mese di giugno. Paesi di buonissima volontà la Spagna che ha messo in cantiere circa 200 eventi, e brava anche l'Italia che ne ha preparati 78.  Bruxelles, con 119 eventi, è invece un caso a sé, culla della manifestazione partita nel 2006 dalla Commissione Europea. Appuntamento cardine dei sette giorni il premio Sustainable Energy Europe (SEE) and ManagEnergy Awards, dedicato ai progetti più «ecologicamente impegnati»: quartieri alimentati da energia rinnovabile, ricarica wireless per i bus elettrici, birrifici a emissioni zero, caseifici che producono energia.

Anche il resto del mondo fa sentire in piccola parte il suo impegno: Stati Uniti, Cambogia e Filippine si sono «gemellate» all’Europa organizzando qualche manifestazione.

I progetti ammessi, dei 342 presentati da 31 Paesi, sono stati 30. Questi saranno sotto la lente d’ingrandimento per la valutazione finale da parte dei nove esperti del Comitato Tecnico Consultivo, sotto la supervisione dell'agenzia europea per le PMI (Easme).

Il concorso è aperto a soggetti pubblici e privati, aziende, associazioni di categoria, istituzioni accademiche e ONG. Cinque le categorie: comunicazione (campagne informative e pubblicitarie e programmi tv), consumo (orientamento del risparmio energetico), apprendimento (per diffondere le conoscenze dalle scuole alle università) edilizia (con soluzioni di risparmio energetico) e trasporti (soprattutto elettrici).

 

Roberta Di Giuli

 

 

Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.