biogas - metano

CEM Ambiente e Università di Milano-Bicocca presentano l’impianto che utilizza un’innovativa tecnologia che «lava» il biogas eliminando la CO2 per ottenere metano. Ambientali,  economici e non solo, i vantaggi del suo utilizzo


•• Al via il prototipo di impianto industriale realizzato con la nuova tecnologia Smart Upgrading che «lava» il biogas eliminando la CO2 per ottenere metano. A otto mesi dalla prima sperimentazione, questa tecnologia, sviluppata dai ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca, è dunque divenuta impianto con la possibilità di verificarne l’efficienza in condizioni reali di lavoro attraverso l’utilizzo del biogas prodotto nella ex discarica di CEM Ambiente a Cavenago Brianza. E presso questa struttura ha avuto luogo la presentazione a cui hanno preso parte Virginio Pedrazzi, Amministratore Unico CEM Ambiente, di Claudia Maria Terzi, Assessore all’Ambiente della Regione Lombardia, di Roberto Invernizzi, vice-Presidente della Provincia Monza Brianza, e di Danilo Porro, pro-Rettore alla valorizzazione della Ricerca dell’Università di Milano-Bicocca.

L’impianto e la tecnologia utilizzata per la sua realizzazione sono stati illustrati da Maurizio Acciarri e Bruno Vodopivec, ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca che hanno messo a punto la tecnologia in 5 anni di lavori di laboratorio. 

Identikit della nuova tecnologia

Biogas - metano

VANTAGGI DELLA SOLUZIONE SVILUPPATA:

L’impianto da 100 m3/h installato presso CEM Ambiente permetterà di quantificare alcuni vantaggi della tecnologia sviluppata:

• Costi di Up-grading ridotti

• Perdite di Biometano inferiori allo 0,05%

• Lunga durata del solvente poiché lavora a bassa temperatura

• Solventi completamente compatibili con la salute e l’ambiente

• Bassa temperatura di rigenerazione (< 85° C)

• Basso costo operativo, grazie ai ridotti costi energetici e alla completa compatibilità ambientale dell’unità di up-grading

• Basso costo di investimento grazie alla notevole semplicità del processo


Innanzitutto, rispetto alle tecnologie tedesche e statunitensi attualmente impiegate in questo campo, la tecnologia Smart Upgrading ha il vantaggio di lavorare con una sostanza di trasformazione biodegradabile e dal costo contenuto, e di richiedere, per il suo funzionamento, una quantità di energia molto bassa, producedo un gas made in Italy.

L’impianto installato presso CEM Ambiente permetterà di quantificare correttamente i principali vantaggi della tecnologia Smart Upgrading riconducibili a: Economicità grazie a costi ridotti rispetto a tecnologie similari, sia di investimento iniziale che di gestione; Sostenibilità, in quanto le perdite di Biometano risulterebbero inferiori allo 0,05%; rispetto per la Salute e l’Ambiente, dato che i solventi usati sono completamente eco-compatibili; utilizzo facile, dal momento che esiste già una rete per la sua immissione.

Un progetto di tutto rispetto… normativo

L’impianto si pone in linea con le politiche comunitarie e nazionali che promuovono il sostegno alla diffusione dei biocarburanti, aprendo la strada alla conversione del biogas in biometano (Decreto legge DM 5 dicembre 2013). Si stima che il biometano prodotto dal trattamento di tutti i rifiuti organici e scarti vegetali sarebbe in grado di coprire più del 20% del fabbisogno nazionale con un notevole risparmio per le casse dello Stato. E tutto nel pieno rispetto degli impegni per la riduzione del gas serra.

L’Innovazione è crescita - ha spiegato all’inaugurazione Virginio Pedrazzi, amministratore unico di CEM Ambiente S.p.A. - e la nostra società da oltre 40 anni è attenta a cogliere e anticipare le politiche di sostenibilità innovativa, sperimentando soluzioni sempre nuove in ogni ambito, purché finalizzate a migliorare i cicli di raccolta, riciclo e riutilizzo dei rifiuti che gestiamo. L’impianto presentato oggi utilizza il gas prodotto dai rifiuti della nostra discarica per produrre BioMetano. Con questo progetto ci siamo posti l’obiettivo non solo di innovare il settore ma anche di andare incontro a un indirizzo di Legge che chiede espressamente di produrre questo gas, che ha già una sua rete e può essere utilizzato più e meglio e del biogas”.

In linea con le politiche comunitarie e gli impegni sottoscritti alla COP21 - ha detto Claudia Maria Terzi, Assessore all’Ambiente di Regione Lombardia - la nostra Regione intende tener alta l’attenzione verso i temi relativi alla gestione dei rifiuti e all’efficienza energetica e alla ricerca improntata verso uno sviluppo sostenibile; non solo per i possibili vantaggi che ne derivano quali la riduzione delle emissioni in atmosfera di gas climalteranti che permetterà di garantire uno sviluppo rispettoso del nostro territorio, ma anche sviluppare quella consapevolezza, conoscenza, comunicazione e condivisione che sono la base di una concreta politica ambientale funzionale alla qualità delle nostre vite. Come tutti sanno la Lombardia ha adottato il Programma Energetico Ambientale Regionale (PEAR) programmando linee guida che vertono a una riduzione dei consumi stimata tra l’8% e il 12%, e a un aumento dell’utilizzo di fonti rinnovabili, che consentirà di superare obiettivi performanti come quelli da noi richiesti dal «burden sharing». Inoltre in attuazione al PEAR gli uffici dell’Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile coordinano uno specifico Tavolo sul biometano”.

“Siamo molto orgogliosi - ha confidato Roberto Invernizzi, vice-Presidente della Provincia di Monza e Brianza - di avere sul nostro territorio aziende pubbliche come CEM Ambiente, sempre pronte alla sperimentazione e alla crescita, ma senza mai dimenticare il rispetto per l’Ambiente e il territorio. Questa propensione al miglioramento e alla crescita, rispettosa delle risorse naturali, ha consentito, da sempre, di raggiungere risultati di rilievo nella gestione dei rifiuti, a partire dalla raccolta differenziata per arrivare al riutilizzo del rifiuto come risorsa che può creare valore. Anche economico, come in questo caso.

La sostenibilità ambientale - ha detto Danilo Porro, prorettore alla valorizzazione della Ricerca dell’Università di Milano-Bicocca - è uno dei campi nei quali siamo impegnati a creare innovazione attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie subito applicabili. Per noi valorizzare la ricerca significa contribuire al progresso e al benessere sociale”.

Roberta Di Giuli
[17 Dic 2015]


Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.