• 1
  • 2
  • 3
  • 4
Dalla Classe G alla Classe A+: «ecoHouse&ecoOffice360» e la sfida del comfort

Dalla Classe G alla Classe A+: «ecoHouse&ecoOffice360» e la sfida del comfort

Dopo aver celebrato il suo trentesimo anno di vita con il premio «Italia in Classe A - Premio Energia Intelligente», assegnato dal Ministero per lo Sviluppo economico e da ENEA, la testata scientifico-divulgativa PROTECTA è ora impegnata in un avanzato progetto edilizio: la riqualificazione di 2 unità abitative in Classe A+, punto di riferimento per i sempre più numerosi sostenitori del risparmio energetico e del comfort abitativo

Read more
Certificazione LEED Gold al «LaGare» di Milano

Certificazione LEED Gold al «LaGare» di Milano

È il primo hotel in Italia a poter vantare la prestigiosa certificazione che dimostra tutta la sostenibilità… di eleganza e lusso

Read more
ROCKWOOL: la lana di roccia al servizio dell’eco-building

ROCKWOOL: la lana di roccia al servizio dell’eco-building

Leader mondiale nella produzione di prodotti e sistemi innovativi in lana di roccia, il Gruppo danese ROCKWOOL persegue l’obiettivo di una società a basso impatto ambientale. L’isolamento termico e acustico consentono, infatti, di vivere meglio rispettando il Pianeta

Read more
Nasce l’l’hotel più sostenibile d’Italia

Nasce l’l’hotel più sostenibile d’Italia

ARCA e Casaclima certificano l’opera d’ispirazione green collocata sulle sponde trentine del Lago di Garda. L’Ecohotel Bonapace di Torbole dà lezioni di innovazione armonizzando le certificazioni di qualità e sostenibilità ARCA, ClimaHotel e PassivHaus

Read more
Banner
Banner
Banner
Banner

Dopo aver celebrato il suo trentesimo anno di vita con il premio «Italia in Classe A - Premio Energia Intelligente», assegnato dal Ministero per lo Sviluppo economico e da ENEA, la testata scientifico-divulgativa PROTECTA è ora impegnata in un avanzato progetto edilizio: la riqualificazione di 2 unità abitative in Classe A+, punto di riferimento per i sempre più numerosi sostenitori del risparmio energetico e del comfort abitativo


Il numero «zero» di PROTECTA uscì nel 1986, e nel panorama editoriale italiano, una testata dedicata all’informazione puntuale sull’energia e sull’ambiente, rappresentò una novità assoluta. Sono passati più di 30 anni da allora, e ancora una volta la rivista PROTECTA ambiente tecnologia sviluppo sostenibile  si è distinta ricevendo, in concomitanza con la pubblicazione del numero Speciale «Energia, Efficienza, Ecomobilità», il prezioso riconoscimento «Italia in Classe A - Premio Energia Intelligente».


Premio innovazione ENEA


Il riconoscimento, consegnato al Direttore Responsabile Tony Colomba dalla vice-Ministra del Ministero dello Sviluppo economico Teresa Bellanova e dal Presidente ENEA Federico Testa, è stato motivato “per la competenza e la capacità di approfondimento nel trattare i temi e le tecnologie dell’efficienza energetica” gratificando la lunga attività del gruppo editoriale Ecoedizioni Internazionali per la comunicazione nell’energia e nell’ambiente.

Il percorso di Ecoedizioni Internazionali prosegue ora non solo a livello editoriale, ma anche sul fronte della bioarchitettura, con la concretizzazione di progetti basati sulle soluzioni ecologiche e di risparmio energetico, illustrate sulle pagine della rivista PROTECTA e dell’e-Magazine PROTECTAweb.

Il progetto: «ecoHouse&ecoOffice360»

Orientato a un impiego su larga scala, il progetto ideato dal Direttore Tony Colomba - che già a fine 1995 per il Comitato Mondiale per lo Sviluppo Sostenibile realizzò un’innovativa «casa ecologica» - si basa sull’efficienza energetica, la sostenibilità ambientale e la gestione intelligente di un’abitazione: pilastri distinti e complementari di un complesso «retrofit energetico» di un immobile, svolto attraverso un attento lavoro di «ricucitura» sull’involucro edilizio presente e un perfetto bilanciamento impiantistico.

Il progetto previsto si struttura principalmente su n.2 singole unità abitative all’interno di un contesto condominiale, che vengono denominate per le loro funzioni in:

Premio innovazione ENEA1) Hospitality (ecoHouse360).

2) Ufficio (ecoOffice360).


Entrambe le situazioni progettuali sono state ideate attraverso un’attenta progettazione termica e acustica dei suoi nodi principali.

Tecnicamente  tutte le murature esistenti sono state oggetto di un intervento di isolamento dall’interno con sistemi a secco caratterizzati da pannelli di fibra di legno ad alta densità di elevata qualità (azienda NATURALIA-BAU Srl www.naturalia-bau.it) accoppiati in opera con pannelli in gesso fibra come finitura interna, per consentire anche grandi prestazioni acustiche.

Il sistema edificio-impianto, studiato attraverso un’attenta ricostruzione 3d termica con programmi professionali e curato a livello progettuale dalle migliori realtà innovative presenti sul nostro territorio - Azerostudio (www.azero-studio.com) e Modulare (http://www.italiamodulare.com/) - ha permesso un perfetto equilibrio delle due abitazioni e una risposta ottimale a tutte le condizioni climatiche, sia invernali (trasmittanza termica, basso fabbisogno energetico), che estive (sfasamento, capacità termica aerica), con l’obiettivo raggiunto di un reale comfort e benessere interno.

Dal punto di vista impiantistico «ecoHouse&ecoOffice360» ha previsto l’inserimento di un sistema ad alta efficienza termica, in grado di ridurre i consumi di utilizzo e ottimizzare al massimo la minima richiesta di energia delle attività preposte alla vivibilità degli ambienti interni.

L'impianto di climatizzazione sarà realizzato combinando l'utilizzo di pannelli radianti a soffitto con un sistema canalizzato di ricambio d'aria e deumidificazione.

A monte dei terminali, l'energia verrà prodotta tramite un sistema idronico a pompa di calore che combinerà la produzione di acqua calda e fredda per la climatizzazione alla produzione di acqua calda sanitaria tramite un sistema di accumulo (serbatoio). In questo modo quest’ultimo potrà essere riscaldato nei momenti della giornata in cui ci sarà un bilancio elettrico positivo, massimizzando i benefici dell'impianto fotovoltaico, che sarà realizzato sulla copertura dell’immobile esistente.


Premio innovazione ENEA


Il tutto controllato e modulato da impianti domotici ad alte prestazioni.

L’obiettivo finale di trasformare un appartamento fortemente «energivoro» (in Classe G), in un appartamento altamente efficiente a livello energetico in Classe A+, si traduce in una serie di attività integrate che rappresentano una sfida inedita: quella di coniugare una progettazione a «consumi zero», con un utilizzo attento e responsabile di materiali da costruzione naturali e salubri, nell’ottica di una reale eco-compatibilità dell’intero processo progettuale e costruttivo. Avendo come riferimento sempre l’ottenimento di un elevato benessere interno.

Traguardo raggiunto

I manufatti in fase di realizzazione rappresentano di fatto un modello progettuale ad alta efficienza energetica molto attento alle condizioni di comfort, a livello termico, acustico e ambientale, attraverso l’utilizzo di pacchetti isolanti innovativi ed ecologici, impianti a basso consumo ad alte prestazioni e sistemi domotici di ultima generazione, come precedentemente descritto.

L’obiettivo raggiunto era di condurre l’utente verso un’abitazione a ZERO CONSUMI - nZEB (Net Zero Building) che richiama l’art.9 della EPBD 31/2010, il quale stabilisce che tutti gli edifici di nuova costruzione, a partire dal 31 dicembre 2020, dovranno essere realizzati ad energia quasi zero.


Premio innovazione ENEA


Specificatamente, il concetto principale di nZEB edifici a energia quasi zero, è stato alla base di tutte le scelte progettuali e di cantiere nella realizzazione dell’intervento che stiamo presentando, che hanno seguito in maniera esauriente le linee guida citate nell’art. 2 della precedente normativa che descrive un edificio nZEB e precisamente:

“… un edificio ad altissima prestazione energetica. Il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo dovrebbe essere coperto in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili, compresa l’energia da fonti rinnovabili prodotta in loco o nelle vicinanze…”.

Il progetto «ecoHouse&ecoOffice360» sposa pienamente queste disposizioni, essendo stato concepito, progettato e realizzato con l’utilizzo di sistemi di isolamento interno atti a ridurre sensibilmente la quota di fabbisogno energetico invernale (kWh/mq anno) necessaria all’ottenimento delle condizioni di comfort desiderate.

Dai 17 litri di gasolio al mq anno ante operam si passerà ad un’abitazione quasi passiva a 3-4 litri di gasolio al mq anno post operam, con un risparmio di oltre l’80% del fabbisogno invernale richiesto!!! (Il litro di gasolio al mq/anno rappresenta di fatto il valore di conversione di riferimento maggiormente utilizzato nell’ambito energetico rispetto al fabbisogno invernale presunto. Un litro di gasolio al mq/anno è infatti uguale a 10 kW al mq/anno, e costituisce un reale rapporto dei consumi degli edifici che si vanno ad analizzare).

Il consumo di petrolio e le fonti rinnovabili

È importante anche sottolineare l’innovazione progettuale e di metodo utilizzata nella realizzazione di questo intervento, e per farlo è utile fornire un ulteriore approfondimento.

Partiamo dal costo del gasolio per riscaldamento per far comprendere il ragionamento che seguirà poi e che ha guidato le scelte progettuali in questo ambito.

Agli inizi degli anni ’70 il costo di questo combustibile per riscaldamento si attestava intorno alle 25 lire al litro (0,013 euro), mentre in questo momento (giugno 2017) la sua incidenza, prelevata dal sito del Ministero dello Sviluppo economico, si attesta a circa 1,16 € al litro, registrando un aumento di quasi 100 volte in circa 40 anni!

Per contrastare questi continui incrementi del costo dell’energia il Governo italiano, in concerto con la UE, ha messo in campo una serie di leggi (dalla n.373 del 1976 alla direttiva 2012/27/UE) atte appunto a contenere i suddetti consumi e ad utilizzare fonti rinnovabili.

Sintetizzando al massimo questo ragionamento, si possono individuare 2 grandi settori che raggruppano leggi e incentivi per questo importante ambito e precisamente:

- Incentivi per l’utilizzo di fonti rinnovabili (Fotovoltaico Conto Energia)

- Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica di edifici esistenti

Ma quale percorso ci può permettere una reale riduzione dei consumi energetici nel mondo dell’edilizia e quale è stato prescelto come innovativo nella progettazione di «ecoHouse&ecoOffice360»?

Analizzando la documentazione di riferimento dell’ENEA «Rapporto Energia Ambiente» dal 2007 ad oggi, si può notare come negli scenari possibili dell’ultimo documento del 2013 si preveda una copertura da fonti rinnovabili, rispetto ad una produzione italiana di elettricità per fonte primaria (% anno 2012), pari ad una quota di circa il 14,7%, contro circa il 59,8% della quota ancora destinata a combustibili fossili e assimilati (combustibili solidi, gas, petrolio e altri combustibili), non considerando la voce «import» che risulta stimata in circa un ulteriore 13,2% sul totale.

Questi dati dimostrano come il potenziale di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, rispetto all’esigenza totale di fabbisogno energetico nazionale, sia sicuramente importante ma ancora non pienamente sufficiente per poter da solo sopperire alla necessità di riduzione dei consumi energetici nel campo edile.


Premio innovazione ENEA


Il reale obiettivo di contenimento dei consumi energetici per il riscaldamento (da fonti fossili), è infatti maggiormente possibile e attuabile solo attraverso un Piano concreto e fattibile di riqualificazione energetica degli immobili esistenti (retrofit), su tutti i livelli funzionali e di utilizzo, introducendo scelte progettuali aventi come obiettivo un perfetto equilibrio edificio-impianto con l’utilizzo di pacchetti coibenti innovativi e macchinari di ultima generazione.

Il progetto «ecoHouse&Office360» rappresenta esattamente queste volontà ambientali e tecniche e sarà per questo molto visibile sul portale giornalistico www.PROTECTAweb.it, rivolto al grande pubblico, al mondo politico, alle Istituzioni, agli organismi scientifici, alla P.A., alle industrie, agli studi di professionisti e al settore dell’istruzione.

Successivamente sarà creato un nuovo portale specificatamente dedicato che prenderà il nome di «ecoHouse&ecoOffice360», dove i lettori potranno essere informati sulle migliori tecnologie utilizzabili in una ristrutturazione dettagliando i lavori effettuati, le tecniche adottate e le peculiarità dei materiali utilizzati con articoli, schede tecniche ed interviste, con l’obiettivo concreto di condividere su larga scala il know-how acquisito e realizzato per permettere a tutti di poter finalmente cambiare in meglio le loro abitazioni e le loro condizioni di benessere interno.

Costruire efficiente e sano per la nostra salute oggi è pienamente possibile e il progetto «ecoHouse&ecoOffice360» rappresenta un reale esempio di costruzione «intelligente» all’altezza di questa sfida!

arch. Demis Orlandi
esperto in comfort abitativo

[16 Mar 2017]

Premio innovazione ENEA

Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.