di Valerio Maura • È city-car, è 100% elettrica, ha quattro posti, si ricarica con la comune presa di casa. I suoi 150 km di autonomia sono sufficienti per coprire gli spostamenti quotidiani anche in una grande metropoli

 

 

Fino a qualche tempo fa, ipotizzare la commercializzazione di una vettura elettrica di serie era mera utopia. Le concept car presentate ai saloni apparivano come esercizi tecnici futuribili, mentre il presente continuava a basarsi sul petrolio, unica fonte d'energia percepita per l’automotive. E invece, come preannunciato da Citroën un anno fa proprio sulle pagine di PROTECTA, la commercializzazione di un’auto elettrica è oggi realtà. C-Zero, quindi, di nome e di fatto è la prima vettura europea elettrica di nuova generazione a debuttare, e ZEV, il sogno californiano, diviene realtà europea: zero litri di carburante, zero emissioni inquinanti, zero emissioni di CO2 durante la guida e zero inquinamento acustico.

La mission

La tecnologia Full Electric sviluppata da Citroën, fa parte della strategia di riduzione dei consumi di carburante, delle emissioni inquinanti e dei gas effetto serra che la Casa francese persegue ormai dal lontano 1989, anno nel quale venne lanciato il «programma elettrico » che portò alla creazione dei veicoli commerciali C15 e C25, seguito dalla commercializzazione, nel 1993, della pionieristica AX elettrica, e infine dall'evoluta Saxo Elettrica; una successione di modelli che, tradotta in termini di mercato, evidenzia una vendita, sinora, di 5.500 veicoli Citroën a trazione elettrica. C-Zero è dunque l'ultima nata che si aggiunge ad una gamma di prodotti dalla spiccata vocazione ecologica: si parte dalle piccole C3 e DS3 con versioni caratterizzate da emissioni inferiori ai 100 g/km di CO2, proseguendo con il resto della gamma, della quale oltre il 30% dei veicoli venduti in Europa ha emissioni inferiori a 120 g/km. A breve verrà introdotta la tecnologia micro-ibrida e-HDi su C5, nuova C4, C4 Picasso e Grand C4 Picasso, C3 e DS3, mentre a fine 2011 vedremo la nuova DS5 full-hybrid.

Come si guida

PROTECTA è volata a Malmö, in Svezia, per provare in anteprima la compatta city-car C-Zero. L’abitacolo è spazioso e subito si apprezza la funzionalità d'uso della vettura: si gira la chiave fino al «bip» sonoro ed ecco accendersi la spia verde «READY» sul quadro strumenti. Si posiziona la leva del cambio in «D» (marcia avanti oppure indietro) - come su un qualunque altro automatico - e, nel silenzio più totale, ci si inizia a muovere. Durante la marcia, almeno per i primi tempi, l’occhio correrà continuamente all’indicatore analogico che mostra istantaneamente il tipo di utilizzo che si sta facendo della batteria; per il resto la strumentazione è del tutto normale: velocità, contachilometri e trip computer, come da copione. Tornando al nostro indicatore, il cui controllo diviene essenziale per la nostra tranquillità in marcia, vedremo che la parte blu indica la ricarica, la verde le fasi di guida in modalità «ECONOMY» ed infine la bianca sottolinea come lo stile di guida adottato influenzi il consumo dell’energia disponibile. Naturalmente, in luogo del classico indicatore di livello del carburante, ne troviamo un altro che misura lo stato di carica della batteria; quando l'autonomia sta per esaurirsi, vengono automaticamente adottate misure «save energy» per prolungare al massimo il chilometraggio residuo. Alla guida, oltre al silenzio (spezzato solo dal rotolamento degli pneumatici), colpiscono due aspetti: la maneggevolezza e la prontezza di risposta del motore elettrico. Bene inteso, non si tratta di una spinta veemente, ma l'avere a disposizione lungo tutto l'arco di utilizzo 180 Nm di coppia, infonde una sensazione di grande sicurezza, ad esempio quando ci si trova impegnati in un sorpasso o in una ripartenza in salita. In ogni caso, autonomia e prestazioni dipendono dallo stile di guida: per vedere costantemente la lancetta del «consumo» sul verde, occorre essere soft con il pedale dell’acceleratore, sfruttando magari il recupero di energia in frenata e in decelerazione (zona blu dell'indicatore). Se invece si va di fretta, la C-Zero dispone di tutta la riserva di potenza necessaria per disimpegnarsi con disinvoltura in qualunque situazione. Con una lunghezza di 3,48 metri e un diametro di sterzata di 9,5 metri, la C-Zero trova nell’hinterland cittadino il suo terreno d'azione ideale, per quanto le prestazioni - velocità massima di 130 km/h, da 0 a 100 km/h in 15,9 secondi e riprese da 30 a 60 km/h in 3,5 secondi e da 60 a 80 km/h in 3,9 - la rendano perfettamente a proprio agio anche su strade extraurbane come tangenziali e raccordi. Con 4 posti effettivi, grazie al passo di 2,55 metri, e un bagagliaio di 166 litri di capacità, Citroën C-Zero è un'auto vera, da vivere quotidianamente, con tutti gli equipaggiamenti di confort e sicurezza disponibili come: servosterzo, ABS, ESP, AFU, vetri elettrici, 6 airbag e climatizzatore sono i più significativi tra quelli di serie.

Come è fatta

Citroën C-Zero è una vettura full-elettric, dotata di un motore sincrono a magnete permanente che fornisce 47 kW (64 cv) da 3.500 a 8.000 giri, con una coppia massima di ben 180 Nm, da 0 a 2.000 giri. La trasmissione è affidata ad un riduttore con demoltiplicazione adattata e differenziale tradizionale posizionati al retrotreno vicino al motore elettrico. Un sistema di recupero dell’energia in decelerazione e in frenata (simile al kers già presente in F1 e rientrante dalla prossima stagione) permette di ricaricare le batterie mentre si viaggia; la quantità di energia recuperata dipende anche dalla velocità e dalla pressione esercitata sul pedale del freno, ma la ricarica avviene anche quando il pedale dell’acceleratore non è premuto. Questo sistema offre il duplice vantaggio di migliorare l'efficienza e di utilizzare un freno motore che permette di rallentare gradualmente in prossimità di una curva o di un ostacolo visibile, evitando ulteriori sforzi al sistema frenante. Il motore viene alimentato tramite una batteria agli ioni di litio di ultima generazione, posizionata al centro del veicolo e composta da 88 celle da 50 Ah, con capacità utile di circa 16 kWh e alimentazione a 330 volt. Gli ioni di litio consentono di limitare la massa del modulo batteria grazie ad un più favorevole rapporto peso/potenza/capacità, oltre al vantaggio di disporre di una potenza più elevata per ogni cella rispetto alle tecnologie tradizionali ed alla possibilità di effettuare ricariche parziali senza problemi di usura né di «effetto memoria».

 

 

Come si ricarica

L'alimentazione delle batterie può avvenire in 2 modi: il primo è semplice, basta collegare C-Zero ad una presa elettrica tradizionale da 220V, magari situata nel proprio box o con le prese disponibili lungo la rete viaria e nelle aziende; la ricarica completa richiede 6 ore con corrente da 16 A (Francia e Italia), 7 ore a 13 A (Regno Unito) e 9 ore a 10 A (Svizzera). L'altra maniera, utile per una ricarica rapida, è collegare la vettura ad una presa di corrente monofase da 125 A a 400V per una potenza massima di 50 kW, in questo modo una ricarica all’80% richiede solo 30 minuti. Nessun problema infine, per quanto riguarda la durata delle batterie: quelle della C-Zero sono studiate per sopportare 1.500 cicli di ricarica completa pari a 200.000 chilometri. L'autonomia, secondo gli standard di omologazione NDEC Europa, è pari a 150 km, un valore all'apparenza non elevato, ma che rapportato alla destinazione d'uso prettamente cittadina della vettura, è più che sufficiente per due giorni di utilizzo intensivo in una qualsiasi metropoli europea. Tutto questo ne fa una vettura iper-economica per un uso privato (visto il costo di circa 1,5 € ogni 100 km) e al tempo stesso perfetta vettura aziendale, e in alcuni casi di rappresentanza, per Amministrazioni locali.

Sempre connessa ...

Futuristica per definizione, la C-Zero dispone di un insieme di equipaggiamenti di comunicazione innovativi racchiusi nel Citroën «eTouch» composto da Citroën Chiamata d’emergenza localizzata e Citroën Chiamata d’assistenza localizzata gratuiti per l’intera vita del veicolo e a disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Un modulo GPS e una scheda SIM integrata consentono la localizzazione esatta del veicolo in caso d’incidente o malore, contribuiscono al rapido intervento di Citroën Assistance, in caso di panne, e dei servizi di soccorso in caso d’incidente. Due ulteriori servizi sono disponibili attraverso lo spazio personale online «MyCitroën»: Citroën Libretto di Manutenzione virtuale e Citroën Eco Driving; gratuiti per il periodo di validità della garanzia contrattuale del veicolo, permettono di monitorare manutenzioni e interventi da realizzare, di essere avvisati nell’eventualità di problemi meccanici o di sicurezza relativi ad un organo coperto da garanzia, e di controllare il consumo di carburante e le emissioni di CO2. Prima marca sul mercato dell’elettrico, la Casa del double chevron offre la C-Zero, senza incentivi governativi, a 35.960 euro oppure in leasing.

Valerio Maura

Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.