ebike

È dedicata alle aziende la proposta innovativa, ma dalle antiche origini, di ParcoBici che entra a far parte del circuito iBarter per rendere più facili soluzioni di eco-mobilità


•• Nuove formule per incentivare la mobilità ecologica. L’ultima «trovata» viene da ParcoBici, giovanissima azienda brianzola che è entrata a far parte della squadra di iBarter, il primo circuito italiano per lo scambio multilaterale online. In sostanza, è possibile noleggiare biciclette elettriche pagandole con i beni e i servizi della propria azienda. Una sorta di moderno baratto per stimolare le imprese ad una maggiore sensibilità ambientale e incrementare un nuovo modo di muoversi green.

ebikeAbbiamo aderito al circuito per diffondere un messaggio in cui crediamo molto: incentivare una mobilità sostenibile e accessibile a tutti”. Le parole sono di Stefano Forbici fondatore, insieme con Andrea Daelli e Massimiliano Monesi, di ParcoBici. “La formula che proponiamo è quella del noleggio di biciclette a pedalata assistita; formula che proponiamo alle aziende non solamente quale cambio di mentalità, ma anche come esempio nei confronti dei loro dipendenti”. Del resto, “utilizzare bici elettriche è una scelta di cultura che si inserisce in un percorso di rispetto ambientale e mobilità sostenibile. Un’azienda può fare propria questa cultura attrezzandosi con ebike, per esempio, per muoversi all’interno degli spazi aziendali, oppure per incentivare i propri dipendenti ad andare al lavoro senza dover utilizzare l’auto, ma anche per dare l’opportunità di muoversi in ambienti urbani in bicicletta”. Ancora poco diffuse in Italia, le biciclette elettriche rappresentano una realtà significativa all’estero. “In Svizzera - precisa Forbici - lo Stato ha previsto degli incentivi per le aziende i cui dipendenti vanno al lavoro in bici”.

Le biciclette elettriche ormai vivono una sorta di rinascita, grazie all’evoluzione tecnologica di batterie e motore, unita a innovativi studi di design che le fanno apprezzare anche sotto il profilo estetico. “Il peso resta ancora superiore rispetto alle tradizionali bici, ma oggi le e-bike sono nettamente più performanti ed esteticamente belle rispetto a qualche anno fa”, spiega il rappresentante di ParcoBici. “Esistono in versione mountain bike, ci sono quelle richiudibili e quelle invece dalle forme più tradizionali: c’è una risposta per ogni utilizzo. Inoltre, non bisogna fare fatica come con una bici tradizionale: tecnicamente infatti vengono definite a pedalata assistita, ciò significa che il motore elettrico interviene nel momento della pedalata, diminuendo lo sforzo”.


ebike


Per lanciare questa nuova cultura, ParcoBici si è affidato al baratto. “Abbiamo sposato la causa e il messaggio che questa iniziativa dà”, premette Marco Gschwentner, responsabile strategie di sviluppo iBarter. “È come se si facesse un passo indietro rispetto alla frenesia moderna. Da una parte abbiamo il baratto, ovvero la forma di scambio più antica; dall’altra abbiamo un ritorno alla bicicletta. Entrambi però sono rivisiti in chiave moderna: la bici è una ebike e il baratto non è contestuale ma multilaterale e si basa sull’utilizzo di crediti”. In concreto quindi, sarà possibile noleggiare una decina di bici elettriche e «pagarle» con beni e servizi della propria azienda. Così gli effetti positivi si moltiplicano. “Con iBarter si entra a far parte di una rete dove trovare e farsi trovare da nuovi clienti e nuovi fornitori. Inoltre, con ParcoBici contribuiamo a diffondere una cultura di mobilità sostenibile”. Come funziona il circuito iBarter? «Gli scambi non sono contestuali ma vengono effettuati attraverso un meccanismo di crediti acquisiti/ceduti utilizzando l’iBcredit, una moneta complementare che per semplicità è stata equiparata all’euro: 1 iBcredit = 1 euro. In questo modo è l’operatività sul circuito che alimenta lo stesso circuito, offrendo sempre nuove possibilità alle aziende iscritte», conclude Gschwentner. 

Luca Strinati
[16 Ott 2015]



Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.