GE eolico per ricarica elettricadi Giovanni Notaro • Primato mondiale GE-UGE, ma l’Italia non sta a guardare. Se infatti in Spagna è nata la prima stazione «elettroeolica» per la ricarica di veicoli elettrici, nel nostro Paese una concessionaria Citroën adotta già da tempo la stessa strategia a impatto zero

 

«Sanya Skypump», installato per la prima volta al mondo vicino Barcellona, è un nuovo sistema misto di ricarica realizzato unendo la tecnologia Urban Green Energy (UGE) relativa alle turbine eoliche verticali con quella maturata da GE (NYSE: GE) in fatto di ricarica tradizionale con la colonnina «Dura Station», progettata proprio per dare deciso impulso all’adozione dei veicoli elettrici plug-in grazie alla notevole riduzione del tempo necessario per la ricarica.

Charles Elazar, Marketing Director di GE Energy Management Industrial Solutions in Europa, ha dichiarato che “GE sta lanciando una famiglia di sistemi di ricarica per veicoli elettrici in Europa per gli utenti domestici e commerciali facili da usare, flessibili per contribuire a rendere i veicoli elettrici la realtà pratica di tutti i giorni” mentre, il CEO di UGE Nick Blitterswyk, ha sottolineato come dal lancio di «Sanya Skypump», l’Azienda abbia “ricevuto richieste da società di tutto il mondo che stanno cercando di abbracciare la sostenibilità; «Sanya Skypump» è uno di quei rari prodotti che consentono alle istituzioni di dimostrare il loro impegno per l'ambiente, fornendo un servizio veramente utile."

 

Tali dichiarazioni hanno trovato diretta conferma proprio in questa prima installazione, voluta da UGE Iberia vicino Barcellona, presso il quartier generale di Cespa, la filiale di servizi ambientali di Ferrovial Servicios, il più grande investitore del mondo in infrastrutture per il trasporto privato.

Ulteriori installazioni di «Sanya Skypump» saranno effettuate nel corso dell’anno negli USA e in Australia presso centri commerciali, università e altri luoghi significativamente frequentati da utenza effettivamente o potenzialmente interessata.

Promos ricarica eolica

GE, convinta sostenitrice dell’utilizzo di vettori elettrici, ha pianificato l’acquisto di 25.000 veicoli elettrici entro il 2015, come auto aziendali e da offrire in leasing ai clienti attraverso la propria società di servizi di gestione delle flotte.

 

L’eolico e l’elettrico si sposano anche in Italia con POMOS, Prezioso e Citroën

Grazie alla collaborazione fra il POMOS (Polo per la Mobilità Sostenibile della Regione Lazio), «Sapienza» Università di Roma, e la Concessionaria Citroën Nicola Prezioso di Aprilia (Latina), è stato recentemente inaugurata la Citroen in ricaricaprima stazione mini-eolica italiana destinata esclusivamente all’alimentazione di tre colonnine di ricarica per auto (Citroën: l’eolico al servizio della mobilità). Questo impianto a pale verticali, situato, appunto, nella concessionaria Citroën di Aprilia, ha una capacità produttiva compresa fra 60 e 100 kW/giorno e può quindi fornire, nell’arco delle 24 ore, l’energia necessaria a muovere 5-6 vetture a trazione elettrica che possono collegarsi a due colonnine «normali» per la ricarica al 100% in 5-6 ore, oppure ad una colonnina rapida, in grado cioè di fornire una ricarica all’80% in circa 30 minuti.

 

Clini ricarica eolicaLo stesso Ministro Clini ha affermato che “l’iniziativa, originale e innovativa, dimostra che il passo verso l’elettrico si può fare. Oltretutto l’impianto eolico s’inserisce perfettamente nell’ambiente urbano e produce energia a impatto zero”. Ha quindi auspicato come l’iniziativa “potrebbe essere emulata da altre Concessionarie Citroën”.

La Concessionaria Nicola Prezioso, che ha investito in questa operazione oltre 50mila euro, ha comunque deciso, con ammirevole ecologica generosità, di permettere la ricarica «gratuita» non solo alle vetture del marchio del «double Chevron» (200 le C-Zero vendute sinora in Italia più altre 2.800 in Europa), ma anche alle elettriche di marche diverse.

 

Giovanni Notaro
Share

Noi usiamo i cookie per per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo utilizzate. I cookie essenziali al funzionamento del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra cookie policy.

Io accetto i cookie di questo sito.