Home Ambiente Daimler e il ...

Daimler e il Green Finance Framework

Sarà la prossima pietra miliare della strategia ambientale di Daimler in tema di investimenti destinati in futuro ai servizi ed alle tecnologie «CO2 free»

Nell’ambito della propria strategia a favore dell’ambiente Daimler AG, con il Green Finance Framework si pone l’obiettivo di emettere un’ampia gamma di strumenti finanziari come obbligazioni verdi e prestiti verdi e consentire agli investitori di partecipare ai suoi ambiziosi obiettivi in materia di sostenibilità dell’Azienda.

Sostenibilità@Daimler

Daimler intende creare un valore aggiunto a livello economico, ambientale e sociale a favore di tutti i soggetti coinvolti (Clienti, investitori, dipendenti, partner commerciali e la società nel suo complesso). Protezione del clima e qualità dell’aria, diritti umani e tutela delle risorse ambientali sono i settori d’intervento primari della strategia aziendale sostenibile a livello di Gruppo.

Tenendo fede allo slogan «Ambition2039», che abbraccia temi come materie prime e supply chain, produzione dei veicoli, fase di utilizzo e strategie del riciclo e in conformità all’Accordo sul Clima di Parigi, il Gruppo tedesco entro il 2039 intende offrire:

  • tramite Mercedes-Benz una flotta di veicoli nuovi completamente «CO2 free»;
  • tramite Daimler Trucks&Buses esclusivamente veicoli nuovi, il cui impiego su strada sia «CO2 neutrale» («tank-to-wheel»), destinati ai tre principali mercati europei, in Giappone ed in America del Nord.

A ben più breve termine Mercedes-Benz Cars si è invece posta l’obiettivo di lanciare sul mercato entro la fine di quest’anno 5 modelli di autovetture completamente elettriche e 20 varianti ibride plug-in; va inoltre precisato che Mercedes-Benz Vans segue la strategia di Mercedes-Benz Cars per quanto riguarda i veicoli destinati all’uso privato e la strategia di Daimler Trucks&Buses per quelli ad uso commerciale.

Il Green Finance Framework

Questo quadro di riferimento riassume i principi fondamentali per il futuro utilizzo da parte di Daimler degli strumenti finanziari verdi; si tratta di condizioni quadro applicabili ad un’ampia gamma di titoli di debito, come obbligazioni verdi, titoli di credito verdi, Commercial Paper verdi e prestiti verdi la cui rendicontazione – regolare e standardizzata – consentirà all’Azienda di rendere trasparenti i positivi effetti climatici dei progetti finanziati.

L’obiettivo di Daimler è applicare le best practice relative a obbligazioni verdi e prestiti verdi in linea con gli standard di mercato in costante evoluzione nonché con l’entrata in vigore della Classificazione UE delle attività economiche ecocompatibili (tassonomia) e con l’UE Green Bond Standard. La banca svedese SEB è intervenuta in qualità di consulente per la strutturazione dei finanziamenti verdi.

Daimler, a titolo di esempio, destinerà i ricavi netti degli strumenti finanziari verdi:

  • allo sviluppo ed alla produzione di veicoli a emissioni zero con propulsione elettrica a batteria (BEV) e con celle a combustibile (FCEV);
  • all’ammodernamento ed al potenziamento dei siti produttivi già operativi;
  • alla costruzione di nuovi stabilimenti per veicoli a emissioni zero e dei relativi sistemi di propulsione;
  • alla realizzazione degli impianti di riciclaggio delle batterie e delle celle a combustibile.

Mentre oltre la metà dei guadagni sarà associata alla categoria «Clean Transportation».

Progetti «faro»

Il prossimo anno debutterà la nuova EQS, una vettura completamente elettrica basata su una piattaforma sviluppata ex novo, dedicata ai veicoli con propulsione elettrica a batteria. Questa ammiraglia elettrica di Mercedes-Benz sarà prodotta nella nuova «Factory 56» a Sindelfingen (rendering in alto), un impianto di produzione ultramoderno che si avvale coerentemente di tecnologie e processi innovativi per la produzione di veicoli digitali, versatili e sostenibili.

L’EQS è in parte equipaggiata con celle delle batterie «CO2 neutrali» mentre l’intero pacco batterie è prodotto all’interno dell’apposita rete produttiva globale della Casa di Stoccarda.

Lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione su larga scala di sistemi di celle a combustibile per veicoli industriali pesanti ed altre applicazioni avverrà nell’ambito di una joint venture con Volvo Trucks con l’obiettivo comune di consentire a entrambe le Aziende, nella seconda metà del decennio, di produrre in serie veicoli industriali pesanti con celle a combustibile per il trasporto a lungo raggio.

[ Redazione PROTECTAweb ]