Home Ambiente «Mal di Plast...

«Mal di Plastica» sbarca a Venezia

L’imbarcazione, realizzata con materiali plastici e di recupero, «trasporta» il progetto di sensibilizzazione sulla dispersione dei rifiuti plastici in mare

«Mal di Plastica», l’imbarcazione partita da Rimini realizzata con materiali plastici di recupero, ha attraccato l’8 giugno esattamente alle ore 11.00 all’Isola San Giorgio presso la Compagnia della Vela di Venezia. A bordo della virtuosa imbarcazione la buona volontà di un progetto: sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di ridurre l’utilizzo di plastica usa e getta e la sua dispersione in mare. Ad accogliere l’arrivo dell’imbarcazione – ideata e realizzata dai tre riminesi Matteo Munaretto, Stefano Rossini e Piero Munaretto – sono stati il Prosindaco del Lido del Comune di Venezia Paolo Romor, una delegazione della Compagnia della Vela, tra cui il Presidente Pier Vettor Grimani, e una nutrita rappresentanza di amici e partenti arrivati da Rimini.

Partecipano al progetto Darsena di Rimini, Blusea e lo Yacht Club Rimini che continueranno a fornire sostegno nell’organizzazione e nella logistica fino al ritorno a Rimini.

Da sx: Paolo Romor, Sebastiano Chiggiato, Piero Munaretto, Stefano Rossini e Matteo Munaretto

Mal di Plastica, che ha raggiunto Venezia navigando per 4 giorni sempre sotto costa, ha potuto interagire con chi ha voluto raggiungerla ed accompagnarla fino alla laguna veneta. Ha quindi effettuato una sosta a Chioggia dove, invitati dall’amministrazione, i tre naviganti hanno presentato il progetto.

Ricordiamo che il progetto di sensibilizzazione ambientale Mal di Plastica ha preso il via nell’autunno dello scorso anno con la raccolta di materiale plastico di recupero (principalmente bottiglie) per realizzare un’imbarcazione. La raccolta di bottiglie ha coinvolto circa 900 bambini della Provincia di Rimini che hanno ricevuto in cambio delle borracce d’alluminio riutilizzabili.

Il progetto, che vede il Patrocinio della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Rimini e di Legambiente Emilia Romagna e Veneto, è promosso dall’associazione senza scopo di lucro «Tormentina APS» e si è reso possibile grazie alle donazioni economiche e materiali di privati, enti e aziende.

In particolare sono intervenuti con il loro contributo: SevenTeen, Gruppo Hera, Cantiere Nautico Adriatico, Blue Sea, Marina di Rimini, Yacht Club Rimini, Hotel Fabrizio, La Cart, Mareshop, Omersub, Labora, Edilizia Professionale Romagna, Venanzio Ferri, Momogenico energy Print, Cantieri Carlini, Diego Zicchetti, Druma Tende, Tendasole, Fondazione En.AIPS Zavatta, Jean-Martin Grisar, ing. Matteo Muccioli, arch. Francesca Perazzini, Volontarimini, Istituto comprensivo Statale «Alighieri» Rimini, Plesso Caramadre IC1 di Pontecorvo (FR), dott.ssa Anna Delli Paoli, Alessandro Zamagna, arch. Rodolfo Foschi, Polizia Locale Rimini, Monica Gori, Meteoroby.com, Smoll, Gruppo Icaro, Circolo Velico Riminese, Compagnia della Vela di Venezia e Cefal.

[ Redazione PROTECTAweb ]