Home Ambiente Nature of Cit...

Nature of City festival: sostenibilità ambientale per le smart city del futuro

Il Gruppo CAP presenta, dal 22 al 26 febbraio, TNOC Festival, un appuntamento virtuale internazionale per illustrare i progetti nature-based solutions nell’ambito del progetto europeo LIFE Metro Adapt: interventi pilota a Masate e Solaro

Si aprirà lunedì 22 febbraio il TNOC Festival (The Nature of City). Fino al 26 febbraio la manifestazione virtuale internazionale presenterà esperienze e buone pratiche innovative pensate per il futuro di centri urbani, in linea con i mutamenti ambientali, sociali ed economici a cui il pianeta sta andando incontro.

Le programmazioni sono progettate per diversi fusi orari e avverranno in diverse lingue.

Il 23 e 24 febbraio due progetti di «Nature-Based Solution» (NBS) saranno esposti dal Gruppo CAP, l’azienda pubblica che gestisce il servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano. Si tratta di progetti adottati nei comuni di Masate e Solaro.

Perfetta sintesi tra natura, risorse idriche e sviluppo urbano, le Nature-Based Solutions sono misure intelligenti di verde pubblico che stiamo progressivamente adottando nei 132 comuni che presidiamo, commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. Il nostro impegno quotidiano in un’ottica di costante collaborazione e supporto alle amministrazioni e agli uffici tecnici ci sta portando a progettare soluzioni personalizzate, vere e proprie opere verdi che ben si integrano con l’assetto urbano e con l’ecosistema locale. Si tratta di soluzioni pensate per alleggerire la portata dei nostri impianti di depurazione e della rete fognaria, mitigare il rischio inondazioni e allagamenti, riducendo inoltre gli effetti del fenomeno delle «isole di calore». 

I progetti di Solaro e Masate

Queste due realtà green sono state messe a punto nell’ambito del progetto Metro Adapt, finanziato dal Programma LIFE della Commissione Europea, sviluppato a partire dal 2018 e che ha tra i suoi promotori Città metropolitana di Milano (CMM), Legambiente Lombardia, ALDA (European Association for Local Democracy), Ambiente Italia Srl, e-GEOS Spa e Gruppo CAP.

Si tratta di sistemi di drenaggio urbano sostenibile per gestire il deflusso delle acque meteoriche senza sovraccaricare il sistema idrico e gli impianti di depurazione.

A Solaro è stata realizzata una «green infrastructure» costituita da un’oasi di aiuole drenanti o aree di bioritenzione, inserite nel contesto urbano di un parcheggio di 5.700 metri quadri. L’acqua piovana che si infiltra viene accumulata da due sistemi di ritenzione per essere poi rilasciata da un sistema di dispersione a sei pozzi.

A Masate, all’interno del parco comunale, fortemente impermeabilizzato, è stato costruito un bacino artificiale della portata di 110 metri cubi, sotto al livello della strada, che accumula l’acqua piovana e la rilascia gradualmente sul corpo idrico locale in modo naturale.

A dare uno slancio alle opere NBS in Lombardia è stato il Regolamento Regionale 7/2017 sull’invarianza idraulica, fortemente sostenuto dal Gruppo CAP. L’aggiornamento del Regolamento del 2019 prevede l’adozione in prima battuta dei progetti NBS. Lo scopo è mantenere costante il deflusso delle acque meteoriche a seguito degli interventi di urbanizzazione.

Le politiche di sviluppo edilizio degli anni ’60 e ’70 hanno ridotto notevolmente permeabilità, duttilità e sicurezza di gran parte del territorio italiano. Secondo i dati della Regione Lombardia, tra il 1954 e il 2015 le superfici urbanizzate sono aumentate del 200%, con un valore di impermeabilizzazione tra i più alti del Paese. Gruppo CAP, nel Piano di Sostenibilità presentato nel 2019, si è posto l’obiettivo di incrementare l’indice di drenaggio del territorio dei Comuni della Città metropolitana di Milano del 60% con annessa riduzione delle superfici impermeabilizzate e degli allagamenti.

Questi temi verranno affrontati all’interno del TNOC Festival con i partner di LIFE Metro Adapt, tra cui Marco Bernardi, responsabile ufficio ricerca, innovazione e sviluppo industriale di Gruppo CAP, in tre workshop:

  • il 23 febbraio alle 10.15: «Soluzioni basate sulla natura come mezzo per stimolare l’adattamento ai cambiamenti climatici urbani»;
  • il 24 febbraio alle 10.15: «Soluzioni naturali nelle aree urbane: il caso degli interventi pilota di Solaro e Masate»;
  • il 25 febbraio alle 15.30: «Il Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia come strategia di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico nelle aree vaste».

Il programma della manifestazione è disponibile sul sito:  https://cvent.me/bO1nm5.

[ Federica Pacetti ]