Home Ambiente Politiche amb...

Politiche ambientali e climatiche: gli italiani i più insoddisfatti d’Europa

Presentati i risultati dell’indagine condotta in occasione della COP26 da YouGov per conto di GROHE sulle opinioni e i comportamenti dei cittadini di 7 Paesi europei in relazione a crisi  climatica e ambientale

Quali sono gli atteggiamenti degli europei nei confronti della crisi climatica? Quanto sono soddisfatti delle politiche climatiche e ambientali del loro paese? Che valore danno alla sostenibilità? Per rispondere a queste domande, in occasione della COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in corso a Glasgow fino al 12 novembre, GROHE ha commissionato, alla società internazionale di ricerca YouGov, un’indagine da condurre in sette nazioni europee, Italia inclusa. Per GROHE,  brand leader globale nel settore idrotermosanitario impegnato da decenni in politiche di sviluppo sostenibili, le questioni climatiche sono centrali.

Italia il paese più informato sul summit (74%) e il più insoddisfatto (67%) 

Il 74% degli italiani dichiara di essere a conoscenza della conferenza di Glasgow: il dato più alto rispetto agli altri paesi. Seguono il Regno Unito con il 68%, i Paesi Bassi con il 64% e la Francia con il 59% di risposte affermative. In Germania e in Danimarca la percettuale si attesta intorno al 50%, mentre in Russia la percentuale degli informati si ferma al 34%.

Il 67% degli italiani dichiara, inoltre, di essere insoddisfatto delle politiche climatiche e ambientali del proprio paese: un dato che supera di 10 punti percentuali la media europea e che fa dell’Italia il paese più critico dei sette interessati dalla ricerca. 

Obiettivo clima entro 1,5 gradi: uno scenario pessimista

Circa la metà degli europei (47%) si è dichiarata pessimista circa il raggiungimento dell’obiettivo dell’accordo di Parigi del 2015 di contenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi. I più negativi sono Germania e Francia (58%), Paesi Bassi (55%), Regno Unito (49%) e Danimarca (48%) seguiti da Italia (43%) e Russia (20%). In generale gli intervistati delle aree urbane sono più ottimisti dei residenti nelle zone rurali.

Sostenibilità: sì ma a un costo ragionevole

Quando si tratta di acquistare un prodotto, gli europei concordano: per il 53% il fattore decisionale è il prezzo, mentre la sostenibilità interessa il 32%.

Gli italiani sono in linea con la media europea, con il 47% che si è dichiarato attento al prezzo, mentre per il 36% la priorità è la sostenibilità. È interessante notare che tra gli over 55 si concentra una maggiore sensibilità verso un acquisto eco friendly (40%), mentre nella fascia 18-34 l’attenzione maggiore viene data al prezzo (55%). Allo stesso modo gli abitanti nelle aree urbane sono più attenti al prezzo (52%) rispetto a quelli delle aree rurali (42%).

Se i più sensibili al costo sono i russi con ben il 70% delle preferenze, il paese più virtuoso è la Francia, con il 49% di preferenze per l’aspetto sostenibile.

Attenzione nell’acquisto di nuovi prodotti

Plastica (54%), rifiuti generici (53%), energia (51%), acqua (37%) ed emissioni di CO2 (40%): sono questi i principali fattori di risparmio di risorse e rifiuti a cui prestano attenzione gli europei quando acquistano un nuovo prodotto. In Italia, in particolare, l’attenzione maggiore è verso la plastica (58%), l’energia (57%) e i rifiuti generici (55%). Il 46% dimostra attenzione verso la riduzione di emissioni di CO2, mentre il risparmio idrico è il fattore meno rilevante (34%).

Diverso l’atteggiamento in Danimarca, dove il 53% del campione si dimostra sensibile al tema delle emissioni. La Francia rimane in prima posizione in termini di risparmio energetico e idrico in relazione ai nuovi acquisti: il 58% presta attenzione al basso consumo di energia e il 47% tiene d’occhio il consumo di acqua. In coda, rispetto a quasi tutti i parametri, c’è la Russia.

I fattori decisivi per una maggiore sostenibilità 

Per gli europei i fattori che possono guidare la transizione ecologica per un futuro più sostenibile sono tre:

  • normative (37%);
  • responsabilità sociale d’impresa (27%);
  • scelte individuali (21%).

Se gli italiani sono d’accordo con il primo driver di cambiamento (il 43% ha scelto la regolamentazione governativa), le azioni dei singoli salgono al secondo posto con il 24%, seguite per un solo punto percentuale dall’imprenditoria responsabile (23%). I picchi di fiducia degli italiani nei confronti della regolamentazione governativa si registrano tra gli over 55 e tra i residenti delle aree urbane, rispettivamente con il 44% e il 47%. Ad attribuire maggiore fiducia nelle proprie azioni quale fattore di cambiamento sono gli intervistati nella fascia d’età 35-54 anni (26%) e gli abitanti nelle zone rurali (29%). La Russia è il paese che registra il maggior numero di consensi per le scelte dei singoli (23%), mentre nei Paesi Bassi il 39% degli intervistati ha dichiarato che le aziende hanno il potere di determinare il cambiamento verso una maggiore sostenibilità economica e sociale.

L’impegno per la sostenibilità è la filosofia aziendale  

Con la crescente consapevolezza della scarsità delle risorse e la crisi del clima, molte aziende si stanno dedicando al tema della sostenibilità. GROHE ha abbracciato questo tema dal 2000 e ha gettato le basi per un’economia circolare a basso impatto sul clima e basata sul risparmio delle risorse in tutta la sua catena di valore.

Thomas Fuhr, Leader Fittings, LIXIL International e Co-CEO Grohe AG spiega: “Come parte di LIXIL Corporation attiva a livello globale, GROHE sta indirizzando tutti i suoi sforzi nel perseguimento degli obiettivi climatici concordati nell’accordo di Parigi del 2015 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. GROHE produce già da aprile 2020 a zero emissioni di CO2. L’Azienda ha aderito al principio dell’economia circolare con innovazioni specifiche come i prodotti Cradle-to-Cradle-Certified®, che consentono di ridurre drasticamente l’uso di nuove risorse; infatti il prodotto viene progettato e costruito in modo tale che, al termine del suo ciclo di vita, sia possibile utilizzarne i componenti per creare nuovi prodotti. L’impegno di GROHE a 360° verso la sostenibilità si traduce in prodotti che promuovono uno stile di vita consapevole: l’innovativo sistema di filtrazione GROHE Blue, oltre alla normale acqua corrente, consente ai consumatori di ottenere acqua filtrata naturale fresca, leggermente frizzante e frizzante fredda direttamente dal rubinetto della cucina eliminando la necessità di acquistare, trasportare e stivare bottiglie di plastica. In questo senso le aziende sono importanti motori nella trasformazione per un futuro più sostenibile – come emerso nella ricerca”.

[ Redazione PROTECTAweb ]

 

◘ Per maggiori informazioni: www.grohe.it