Home Ambiente Villeroy&#038...

Villeroy&Boch: possibile sostituire la plastica monouso con la ceramica

Realizzati con materie prime naturali, i prodotti realizzati in porcellana Premium sono atossici, insapori e resistenti

La Commissione Europea, nel documento «A European strategy for plastics in a circular economy», dello scorso gennaio, ha dichiarato che “Negli ultimi 50 anni, il ruolo della plastica nella nostra economia è cresciuto costantemente. La produzione globale di materie plastiche è aumentata di venti volte dagli anni Sessanta, raggiungendo i 322 milioni di tonnellate nel 2015, che raddoppieranno nei prossimi 20 anni. L’Europa genera circa 25,8 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica l’anno e meno del 30% è avviato al riciclo…“.

Sono ben noti gli indubbi e grandi pregi della plastica nei suoi multiformi utilizzi e infinite declinazioni come altrettanto chiari sono i problemi derivanti dalla produzione, dall’utilizzo indiscriminato e dallo «smaltimento» scorretto (leggi usa e getta) di tale materiale.

Contro questo fenomeno sono sorte iniziative ecologiste e di semplice buon senso ma anche movimenti su Facebook come «More clay less plastic» che spinge su un maggior utilizzo della ceramica a fronte di una riduzione  del consumo della plastica; si tratta di un movimento nato nel 2014 su iniziativa della ceramista brasiliana Lauren Moreira (in Italia dal 1990), che ha creato una rete internazionale di “ceramisti professionisti, appassionati e persone comuni che condividono idee e pratiche per la conversione degli oggetti in plastica e promuovano il riuso attraverso scambi culturali, workshop e mostre a tema”. Il progetto, tradotto in sei lingue, si diffonde rapidamente in 84 Paesi del mondo e il gruppo Facebook «More clay less plastic» conta oggi oltre 5.700 membri e sta progressivamente approcciando la società con mostre internazionali itineranti di ceramica funzionale e d’uso quotidiano denominate Change in your hand, aperta a ceramisti da tutto il mondo.

Va anche precisato che «More clay less plastic» non è solo un movimento nato per far sì che si impieghi la ceramica per ridurre il consumo di plastica, ma crede anche nell’artigianato e negli oggetti fatti a mano, che non sono solo «cose» perché portano dentro storie e conoscenze antiche.

Ora anche produttori come Villeroy&Boch – azienda tedesca fondata nel 1748  – offrono possibili alternative all’utilizzo della plastica monouso, mettendo a punto prodotti pensati per chi ama viaggiare o, semplicemente, vuole essere green in ogni occasione.

È il caso delle collezioni Clever Cooking, Clever Baking e To Go ideate e realizzate per preparare, servire e conservare il cibo in modo intelligente:

■ Servizi Clever Cooking (utensili di design per la cucina); il servizio in porcellana Premium è termoresistente, funzionale e pratico: tutti i coperchi possono funzionare sia come coperchi e sia come piatti da portata facendo così risparmiare su lavaggio e spazio. Tutti i pezzi della collezione sono lavabili in lavastoviglie, possono essere messi in microonde o in congelatore risparmiando, anche in questo caso, l’utilizzo della plastica monouso ed evitando la pellicola trasparente o i sacchetti alimentari da mettere in congelatore.

■ Collezione Clever Baking: è la collezione ideale per chi ama stare in cucina e preparare dolci, che siano torte squisite o biscotti fragranti.

Lo stampo grande (21cm) è perfetto per torte dolci e salate, mentre gli stampi più piccoli, rispettivamente di 13 cm e 9 cm, sono pensati per tartelette e muffin mentre lo stampo Gugelhupf, è una teglia ideata e progettata per fare la tipica torta altoatesina e premiata agli «Iconic Awards 2019» che nasconde al proprio interno un misurino integrato dedicato a chi vuole fare un impasto a base di lievito, sia per chi preferisce farla con il pan di spagna.

I prodotti della collezione Clever Baking possono essere utilizzati in microonde, essere riposti in freezer e lavati in lavastoviglie, senza perdere la qualità o prendere altri odori: niente impedisce di metterli direttamente a tavola senza dover più usare piatti di plastica o confezioni usa e getta.

■ Collezione To Go: ideata per tutti coloro che vogliono portare lontano da casa il sapore del cibo cucinato a casa; i coperchi si adattano alla loro base grazie a un profilo in gomma su misura, che dà una perfetta tenuta quando sono chiusi e li rende i perfetti compagni di viaggio.

Disponibili in bianco lucido o con fantasia Jane, Indigo e Rosé, le tazze e le ciotole della collezione To Go conservano e mantengono saporiti i cibi dalla mattina alla sera.

■ E per finire cannucce in vetro: le cannucce in plastica possono essere egregiamente (e simpaticamente) sostituite con le cannucce in vetro colorato della collezione Artesano Hot&Cold Beverages in vetro borosilicato insapore e resistente; oltre che sane ed utili anche originali e sorprendenti.

[ Redazione PROTECTAweb ]