Home Energia Global Wind D...

Global Wind Day: il 15 giugno il vento festeggia

Il vento è il grande protagonista della festa mondiale dell’energia eolica

In tutto il mondo, il 15 giugno, si festeggia la Giornata Mondiale del Vento (Global Wind Day), una campagna internazionale di sensibilizzazione sul tema dell’eolico organizzato dall’EWEA (European Wind Energy Association) e dal GWEC (Global Wind Energy Council), in collaborazione con associazioni nazionali e società coinvolte nella produzione di energia eolica, che mira a promuovere l’energia del vento, ritenuto un elemento molto potente, come fonte pulita ed inesauribile sperando nel suo maggiore utilizzo nei prossimi decenni.

Il convegno dell’ANEV per la Giornata Mondiale del Vento

 

In questa giornata, in molti Paesi del mondo si organizzano eventi e in Italia le varie iniziative promosse ogni anno vengono coordinate da ANEV (Associazione nazionale energia del vento) – con il Patrocinio del Ministero dello Sviluppo economico e del Ministero dell’Ambiente. Nonostante le difficoltà scaturenti dalla pandemia del Covid-19, Anev ha voluto celebrare, anche quest’anno, la Giornata mondiale del vento con un convegno, in modalità telematica, dal titolo «Piano integrato energia e clima. Gli strumenti da mettere in campo per raggiungere gli obiettivi UE»; introdotto dal Presidente Anev Simone Togni, il convegno ha visto la partecipazione di un parterre interessante di relatori come Francesco Vetrò (Presidente GSE), Edoardo Zanchini (vice-Presidente Legambiente), GB Zorzoli (Presidente FREE), Luciano Barra (Capo Segreteria Tecnica Ministero dello Sviluppo economico), Gianni Girotto (Senatore e Presidente della 10ª Commissione permanente Industria, commercio, turismo), Rossella Muroni (Deputata, Commissione VIII Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici alla Camera), Gianluca Benamati (Deputato, vice-Presidente Commissione X Attività Produttive, Commercio e Turismo alla Camera) e di Luca Squeri (Deputato Commissione X Attività Produttive, Commercio e Turismo alla Camera).

L’appuntamento del 15 giugno è volto a fornire ai cittadini maggiori informazioni sull’eolico, un settore in costante crescita e, pertanto, Anev, ha voluto evidenziare, in occasione, alcuni dati a riguardo sul territorio nazionale:

  • 909 gli aerogeneratori di varia taglia installati per un totale di potenza pari a 9.944 MW.
  • circa 17,3 TWh, la quota di energia prodotta nel 2018, pari al fabbisogno di 17 milioni circa di persone. Un buon dato, ma ancora molto lontano dalla potenza installata in paesi come Spagna (23.494 MW nel 2018) e Germania (59.300 MW).
  • 21 milioni i barili di petrolio risparmiati grazie al vento, corrispondenti a circa 10 milioni di tonnellate di emissioni risparmiate di CO2.

Secondo Anev, ad oggi, l’Italia ha già raggiunto gli obiettivi rinnovabili 2020, con una penetrazione di 17,5% sui consumi complessivi al 2015 rispetto ad un target al 2020 di 17%.

L’energia eolica diventa fonte di approvvigionamento decisiva nel processo verso un’energia pulita e accessibile, così come previsto dall’ambizioso obiettivo, fissato dall’Agenda 2030, di raggiungere il 28% di rinnovabili sui consumi complessivi.

L’obiettivo 7 dell’Agenda 2030

Nel settembre 2015 l’Italia, insieme ad altri 193 Paesi membri dell’Onu, ha sottoscritto l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e tra gli obiettivi da raggiungere entro i prossimi 10 anni c’è il passaggio ad altre forme di energia pulite e sostenibili. In particolare, si punta sia a garantire l’accesso a servizi energetici che si dimostrino convenienti, affidabili e moderni sia ad aumentare, in maniera considerevole, la quota di energie rinnovabili nel consumo totale facendo ricoprire al settore eolico, largamente presente in Italia, un ruolo decisamente molto importante.

Poeticamente la forza del vento continuerà a scompigliarci i capelli e a sollevare la sabbia ma in compenso muoverà le pale eoliche fornendoci energia pulita e rinnovabile contribuendo alla cura del Pianeta, il luogo in cui viviamo.

[ Cristina Marcello ]