Home Energia I passi avant...

I passi avanti dell’idrogeno

Firmato un Protocollo d’intesa tra FNM e Sapio in nome della mobilità a idrogeno verde derivante da fonti rinnovabili in Lombardia

Firmato da FNM, principale Gruppo integrato nella mobilità sostenibile in Lombardia, e da Sapio, azienda leader nella produzione di gas tecnici industriali e medicinali, da decenni impegnato nella promozione della filiera italiana dell’idrogeno, il Protocollo d’Intesa che si pone l’obiettivo di studiare e identificare le migliori soluzioni per la fornitura di idrogeno verde, derivante da fonti rinnovabili, nell’ambito del progetto per la nascita della prima Hydrogen Valley italiana. L’intento è dunque quello di proseguire e rilanciare il percorso verso la decarbonizzazione completa di una parte significativa del trasporto pubblico locale nell’area del Sebino e della Valle Camonica.

Sottoscritto dal presidente FNM Andrea Gibelli (nella foto) e dal presidente di Sapio Alberto Dossi, il documento prevede la nascita di un Gruppo di lavoro congiunto che avrà il compito di elaborare una o più ipotesi operative legate appunto alla fornitura di idrogeno verde.

Il progetto H2iseO, promosso da FNM in collaborazione con Trenord, prevede: l’acquisto di nuovi treni alimentati a idrogeno, che serviranno dal 2023 la linea non elettrificata – gestita da FERROVIENORD (società al 100% di FNM) – Brescia-Iseo-Edolo, in sostituzione degli attuali a motore diesel; la realizzazione di impianti per la produzione di idrogeno, destinato inizialmente ai nuovi convogli; l’estensione della soluzione idrogeno, entro il 2025, anche al trasporto su gomma, a partire dai circa 40 mezzi gestiti in Valle Camonica da FNMAutoservizi (società al 100% di FNM).

Sapio metterà a disposizione la sua esperienza quasi centenaria quale produttore di idrogeno da quasi 100 anni e lungo l’intera catena del valore nel settore della mobilità e delle stazioni di rifornimento per sviluppare soluzioni che diano all’idrogeno un posto strategico come vettore energetico sostenibile e sicuro.

L’intesa con Sapio – commenta il Presidente di FNM Andrea Gibelliè una tappa importante nel percorso di sviluppo di una filiera economica, industriale e territoriale dell’idrogeno, che abbiamo avviato alcuni mesi fa lanciando il progetto H2iseO. Prosegue dunque il nostro impegno verso una mobilità a zero impatto ambientale, un impegno che vogliamo concretizzare, come indicato nella mission del Gruppo, promuovendo servizi di mobilità, che siano realizzati secondo criteri di sostenibilità ambientale, economica e sociale”.

“La collaborazione siglata con FNM – spiega il Presidente Alberto Dossi sottolinea il grande impegno di Sapio nel mettere a disposizione le competenze maturate negli anni sull’uso dell’idrogeno come vettore energetico sostenibile. La nostra esperienza consolidata in questo campo ci vede operativi con un certo numero di impianti di produzione di idrogeno, sia attraverso steam reforming sia elettrolisi, e una consistente logistica distributiva tramite 15 km di idrogenodotti puri e una flotta di carri bombolai. Inoltre, abbiamo già costruito sul territorio nazionale alcune stazioni di rifornimento per veicoli ad idrogeno e siamo pronti a mettere la nostra conoscenza al servizio di questa iniziativa con FNM”.

[ Redazione PROTECTAweb ]