Home Energia Impianti Agri...

Impianti Agri-voltaici: consultazione sulla misura PNRR e pubblicazione delle linee guida

Per l’agro-voltaico tutti i soggetti interessati sono invitati a rispondere entro il prossimo 12 luglio. Scaricabili le linee guide in materia di Impianti Agrivoltaici

 

Da oggi la consultazione pubblica sulla misura per la concessione dei benefici previsti dalla Missione 2, Componente 2, Investimento 1.1 Sviluppo Agrovoltaico del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, al fine di incentivare con contributi a fondo perduto fino al 40% la realizzazione di Impianti agrovoltaici per contribuire al raggiungimento dei target nazionali in materia di energie rinnovabili e al contempo rendere più competitivo il settore agricolo, riducendo i costi di approvvigionamento energetico e migliorando le prestazioni climatiche-ambientali.

Durante il periodo di consultazione pubblica le parti interessate potranno inviare osservazioni all’indirizzo di posta elettronica PEC cee@pec.mite.gov.it utilizzando il Modulo di adesione alla consultazione allegato e indicando come oggetto della mail “Consultazione M2C2 investimento 1.1 Sviluppo Agrovoltaico”.

I soggetti interessati sono invitati a rispondere entro il 12 luglio 2022.

Le «Linee Guida in materia di Impianti Agrivoltaici»

Il MiTE ha reso noto le linee guide in materia di Impianti Agrivoltaici – scaricabile dal link in basso – lavoro elaborato e condiviso nell’ambito di un gruppo di lavoro coordinato dal MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA – DIPARTIMENTO PER L’ENERGIA, e composto da:
CREA – Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria;
GSE – Gestore dei servizi energetici S.p.A.;
ENEA – Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile;
RSE – Ricerca sul sistema energetico S.p.A.
Il lavoro prodotto ha, dunque, lo scopo di chiarire quali sono le caratteristiche minime e i requisiti che un impianto
fotovoltaico dovrebbe possedere per essere definito «agrivoltaico», sia per ciò che riguarda gli impianti più avanzati, che possono accedere agli incentivi PNRR, sia per ciò che concerne le altre tipologie di impianti «agrivoltaici», che possono comunque garantire un’interazione più sostenibile fra produzione energetica e produzione agricola.