Home Aziende Rolls-Royce e...

Rolls-Royce e l’ambiente nel comparto aeronautico e non solo

Il prestigioso Costruttore britannico aderisce alla campagna «Race to Zero» dell’ONU in vista della COP26 riprogrammata al 2021 a causa del Coronavirus

Rolls-Royce ha dichiarato che intende diventare già entro il 2030 una società a zero emissioni nette con in più l’ambizione di assumere un ruolo trainante nel consentire ai settori in cui opera di raggiungere – attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie – l’obiettivo di zero emissioni di carbonio entro il 2050.

Oggi Rolls-Royce afferma questa posizione, entrando a far parte della campagna «UN Business Ambition for 1,5 °C».

L’impegno di Rolls-Royce si articola nelle seguenti aree:

  • Allineamento della propria attività agli obiettivi dell’accordo di Parigi, per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 °C.
  • Sfruttamento delle sue capacità tecnologiche per svolgere un ruolo di primo piano nel raggiungimento delle «zero emissioni nette» di carbonio entro il 2050 da parte di settori vitali dell’economia quali l’aviazione, il trasporto marittimo e ferroviario e la produzione di energia.
  • Continuare a cercare di accelerare i progressi rispetto agli obiettivi e ai traguardi dichiarati di riduzione delle emissioni di carbonio dell’azienda e dell’industria.
  • Continuare a investire in ricerca e sviluppo (R&S) per realizzare prodotti sempre più efficienti e soluzioni innovative per la sfida del cambiamento climatico.
  • Pubblicare, entro la fine dell’anno, una chiara tabella di marcia che definisca un percorso per consentire emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050, ed evidenzi gli obbiettivi da raggiungere nelle tappe intermedie.

Da quando si è presa coscienza dei problemi ambientali Rolls-Royce ha sempre perseguito soluzioni pulite, sicure e competitive per soddisfare le esigenze energetiche vitali della società e proprio mentre si intravede una via di uscita dall’ombra della pandemia, questo compito diviene più urgente che mai.

Per soddisfare le esigenze di una società crescente e sempre più interconnessa, la potenza che conta deve essere sostenibile e l’azienda è determinata a sfruttare la sua posizione di leadership nel settore delle tecnologie industriali per svolgere un ruolo significativo nel raggiungimento di emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050.

Da qui a fine anno Rolls-Royce definirà i percorsi tecnologici attraverso i quali potrà ottenere emissioni nette di carbonio pari a zero in tutte le sue attività e prodotti; a più largo respiro si concentrerà quindi sull’avanzamento delle tecnologie chiave, tra cui:

  • Apportare cambiamenti graduali nell’efficienza dei motori, oltre a collaborare con l’industria dei carburanti per aumentare in modo significativo la disponibilità di carburanti alternativi a basse emissioni di carbonio.
  • Guidare un ambizioso consorzio per la costruzione di piccole centrali nucleari modulari in grado di fornire energia competitiva, pulita e a basse emissioni di carbonio su larga scala.
  • Accelerare lo sviluppo di nuove tecnologie e capacità dirompenti per i futuri prodotti a basse emissioni, tra cui l’elettrificazione del volo.
  • Continuare ad implementare sistemi elettrici ibridi oggi nel mercato ferroviario e marino, con l’intenzione di trasferire queste capacità nel settore dell’aviazione.
  • Fornire soluzioni di micro-grid per fornire stabilità vitale e potenza di back-up, espandendo l’assorbimento di energia rinnovabile eliminando la sfida della volatilità.
  • Pianificare l’azzeramento netto delle emissioni di gas serra dalle operazioni e strutture aziendali entro il 2030, utilizzando il 100% di energia rinnovabile, sperimentando tecniche di produzione a ciclo chiuso su metalli di alto valore e implementando le proprie capacità di micro-grid all’avanguardia per sostenere il proprio patrimonio.

Le dichiarazioni

Warren East, CEO di Rolls-Royce: “La pandemia COVID-19 ha portato pressioni immediate ed evidenti al nostro settore industriale e a noi come azienda, ma le sfide a lungo termine che il nostro mondo deve affrontare non sono scomparse. Il mondo dopo questa pandemia avrà bisogno della potenza che noi generiamo per alimentare la ripresa economica. Sono convinto che la richiesta che tale potenza sia più sostenibile e a zero netto di emissioni sarà più forte che mai. Rispondere a questa richiesta è una sfida grande e complessa e poche aziende sul pianeta sono in una posizione migliore di Rolls-Royce per aiutare. Useremo le nostre capacità per svolgere un ruolo di primo piano nel permettere ai settori vitali in cui operiamo di raggiungere lo zero netto di emissioni entro il 2050. Credo che questa ambizione guiderà la nostra competitività per il futuro“.

Nigel Topping, promotore per l’ONU delle azioni di alto livello per il per la COP26: “Con 2,6 miliardi di persone e oltre la metà del PIL globale ora coperto da obiettivi di emissioni zero netti, Rolls-Royce si sta posizionando per soddisfare l’enorme crescita della domanda di trasporto e di energia con zero emissioni nette. Come azienda che opera in alcuni dei settori in cui è più difficile abbattere le emissioni, questo è un grande atto di leadership tecnologica industriale“.

In conclusione

Limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C richiede un cambiamento sistemico attraverso industrie e confini. In qualità di leader nella tecnologia industriale, Rolls-Royce si considera ben posizionata per lavorare in tutti quei settori dell’economia e dell’industria che sono i più difficili da abbattere.

Il suo impegno a contribuire alla soluzione di problemi complessi e a proseguire ad investire in ricerca e sviluppo assicureranno che la sua attività non solo sia compatibile con un futuro a zero emissioni nette di carbonio, ma che sia essenziale per raggiungere questo obiettivo.

[ Redazione PROTECTAweb ]