Home Mobilità & Trasporti Snam e IP: in...

Snam e IP: intesa per 26 nuovi impianti di rifornimento di gas naturale in Italia

Si tratta di un primo lotto di nuovi impianti che apriranno in tutta Italia sulla rete di distributori IP a partire dal 2020

Queste nuove aperture attuano la prima fase operativa dell’accordo quadro siglato nel 2018 tra IP e Snam relativo alla realizzazione di un massimo di 200 nuove stazioni a metano in Italia, nel quadro dell’impegno assunto dalle due aziende per la promozione della mobilità sostenibile.

Snam e IP hanno congiuntamente individuato i punti di rifornimento IP dislocati sia lungo la rete stradale ordinaria e sia autostradale presso cui installare gli impianti per l’erogazione di metano (CNG, gas naturale compresso) per automobili.

Due di questi – locati in Veneto ed in Emilia-Romagna – ospiteranno anche impianti di erogazione di LNG (gas naturale liquefatto) per mezzi pesanti, mentre i 26 nuovi impianti, saranno realizzati nel Lazio 6, in Lombardia 5 ed altrettanti in Toscana, 2 in Emilia-Romagna e 2 in Veneto ed infine, 1 per regione, in Abruzzo, in Calabria, nelle Marche, in Piemonte, in Puglia e 1 in Umbria, in gran parte lungo le autostrade.

 

Si tratta di una crescita importante per IP che da tempo punta ad un’offerta multienergia, dal gasolio alla benzina, dal gas all’elettrico fast e ultrafast, realizzando punti vendita intorno a cui si abilitano una moltitudine di servizi al cliente che fanno perno sulla capillarità unica della rete IP.

Le nuove aperture si sommano alle 46 stazioni a metano già esistenti sulla rete IP e rappresentano un passo concreto per la realizzazione dell’infrastruttura necessaria alla transizione del Paese verso una mobilità più sostenibile dell’attuale. L’investimento su nuove stazioni a LNG, in particolare, rappresenta un passo importante per la nascente rete di ricarica a sostegno del trasporto pesante a gas.

L’accordo con IP fa parte delle iniziative di Snam per dare impulso alla crescita della rete italiana di distribuzione di CNG e LNG, tramite investimenti diretti e accordi con altri operatori.

Nella mobilità a metano, l’Italia è leader europeo con 1 milione di veicoli circolanti e circa 1.350 stazioni di servizio, destinate ad aumentare anche per effetto degli investimenti di Snam.

Al momento Snam4Mobility, controllata al 100% da Snam, conta 6 impianti consegnati e oltre 70 contrattualizzati nell’ambito di un Piano che prevede la realizzazione complessiva di circa 300 nuove stazioni CNG e LNG nei prossimi anni.

Nel proprio piano strategico al 2022 e più precisamente nell’ambito del progetto Snamtec focalizzato su innovazione e transizione energetica, Snam ha in programma 200 milioni di euro di investimenti complessivi nella realizzazione di distributori di metano per autotrazione e infrastrutture di biometano.

[ Redazione PROTECTAweb ]