Home News UNILEVER MODI...

UNILEVER MODIFICA LE VASCHETTE DI GELATO CARTE D’OR ORA RICICLABILI E COMPOSTABILI

Carte d’Or, leader nel mondo vaschette e da sempre riconosciuta come la più buona alternativa al gelato artigianale in vaschetta, cambia il mondo del gelato lanciando una nuova vaschetta. Il nuovo pack è compostabile e riciclabile poiché fatto di carta certificata PEFC, accoppiata con uno strato di PLA (acido polilattico, ossia bio-plastica ottenuta da scarti di mais) che consente di essere impermeabile ed è quindi adatta al gelato. La vaschetta può avere quindi un «doppio fine vita» perché può essere sia riciclata nella carta, entrando nel classico ciclo di recupero previsto dai vari Comuni per questo materiale, sia smaltita nei rifiuti organici e arrivare nei siti di compostaggio industriale per ritornare ad essere come humus (a seconda delle norme applicate dal Comune di residenza).

Il cambio di pack coinvolgerà circa 11 milioni di vaschette in 1 anno; ogni vaschetta passerà da un peso di 47,5 grammi a uno di 36,5 grammi, con un risparmio del 23% sul peso finale del prodotto con il risultato di una riduzione di circa 520 tonnellate di plastica in 1 solo anno. Scegliendo la nuova vaschetta «Carte d’Or», si contribuirà quindi a togliere dal mercato 43 tonnellate di plastica ogni mese e 10 tonnellate ogni settimana.

Secondo il rapporto della Ellen McArthur Foundation sulla «New Plastics Economy», solo il 14% degli imballaggi di plastica utilizzati a livello mondiale arriva fino agli impianti di riciclo e solo l’8% è effettivamente riciclato. Nel frattempo, un terzo finisce negli ecosistemi ormai fragili e il 40% in discarica.
È per questo che Unilever, proprietaria del marchio, ha adottato un approccio più circolare, in cui non solo vengono utilizzati meno imballaggi, ma le confezioni vengono ripensate per poter essere riutilizzabili, riciclabili o compostabili.
La strategia globale di Unilever «No, less, better plastic» prevede infatti azioni che, in maniera diversa, diano un importante contributo per ridurre la quantità di plastica in circolazione. L’impegno in questo senso è iniziato nel 2010 e ad oggi ha già dato risultati rilevanti: in meno di dieci anni l’impatto degli imballaggi in termini di rifiuti è diminuito di un terzo; così come ad oggi il 78% della plastica usata in Europa è già riciclabile.Gli obiettivi sono ancora più ambiziosi: entro il 2020 l’impatto dei rifiuti sarà dimezzato; entro il 2025 tutti i packaging dei prodotti Unilever presenti nel mondo saranno completamente riutilizzabili, riciclabili o compostabili e sarà convertito il 25% degli imballaggi in plastica in materiali riciclati o in PCR.