Home Politiche Politiche Nazionali Efficientamen...

Efficientamento energetico degli edifici scolastici e universitari

Efficienza energetica

Tenendo fede ad una delle priorità da sempre dichiarate dal Premier, il Governo Renzi concede finanziamenti per 350 milioni di euro


•• Pubblicato in Gazzetta il D.L. 24 giugno 2014, n. 91, entrato in vigore il giorno successivo, nel quale sono contenute misure urgenti che mirano all’efficientamento energetico degli edifici scolastici e universitari pubblici, senza nuovi e maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

L’art. 9 del decreto prevede che, nel limite di trecentocinquanta milioni di euro, possano essere concessi finanziamenti a tasso agevolato al fine di realizzare interventi di incremento dell’efficienza energetica degli edifici scolastici e universitari pubblici, avvalendosi della Cassa  Depositi  e Prestiti.

L’accesso ai finanziamenti dovrà avvenire sulla base di una diagnosi energetica comprensiva di certificazione energetica, ai sensi della normativa vigente, e gli interventi dovranno conseguire un miglioramento del parametro di efficienza energetica dell’edificio di almeno due classi in un periodo massimo di tre anni. Tale miglioramento dovrà essere oggetto di idonea certificazione attestante la riduzione del consumo energetico da parte di un organismo tecnico terzo, in mancanza della quale il finanziamento sarà revocato.

La durata dei finanziamenti a tasso agevolato non potrà essere superiore a venti anni, fatta eccezione per gli interventi di efficienza energetica relativi esclusivamente ad analisi, monitoraggio, audit, diagnosi, certificazione e progettazione per i quali la durata massima e’ fissata in dieci anni e l’importo del finanziamento non potrà superare l’importo di cinquecentomila euro.

In linea generale l’importo di ciascun intervento non potrà essere superiore a un milione di euro per interventi relativi esclusivamente agli impianti e a due milioni di euro per interventi relativi agli impianti e alla qualificazione energetica dell’intero edificio, comprensivo dell’involucro.

Il provvedimento rinvia ad un successivo decreto ministeriale, da emanarsi entro novanta giorni, l’individuazione dei criteri e delle modalità di concessione, di erogazione e di rimborso dei finanziamenti a tasso agevolato.

Il coordinamento di tutti gli interventi in materia di edilizia scolastica pubblica e’ affidato, in raccordo con i Ministeri competenti, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Luca Strinati
[14 Lug 2014]