Home Ambiente Agricoltura AGRICOLTURA, ...

AGRICOLTURA, BOSCH PUNTA TUTTO SULL’HI-TECH

Con la convinzione che le tecnologie smart possano aumentare l’efficienza dell’agricoltura, Bosch ha avviato un ampio programma di digitalizzazione delle aziende agricole e ideato una piattaforma in grado di interconnettere i macchinari.

L’agricoltura al giorno d’oggi, infatti, non è più quella di una volta: gli agricoltori utilizzano sensori per determinare il momento giusto per il raccolto, consultano app per misurare la temperatura del terreno e utilizzano trattori automatizzati nei campi. La multinazionale tedesca l’ha compreso e sta trasferendo la sua tecnologia automotive all’agricoltura, dai sistemi di propulsione per i trattori e le soluzioni idrauliche per i macchinari agricoli ai prodotti connessi per la coltivazione intelligente. Ad esempio, Bosch sta applicando all’agricoltura i sensori MEMS, sviluppati in origine per le autovetture. Questi sensori misurano valori quali la temperatura e l’umidità e li trasmettono attraverso cloud agli smartphone. Tramite app è quindi possibile tenere sempre sotto controllo i raccolti, senza doversi recare in loco, risparmiando tempo e aumentando la qualità e la resa dei raccolti.

In collaborazione con Bayer, Bosch ha sviluppato una tecnologia amica dell’ambiente. Si tratta di uno «spray» intelligente di distribuzione dei prodotti diserbanti, che per mezzo di telecamere a sensori distingue le colture dalle erbacce, spruzzando gli erbicidi soltanto su queste ultime.  Infine Bosch ha ideato, come membro del CAB concept cluster, la cabina intelligente Smart Cab, per trasformare i veicoli industriali in Centri di comando in cui tutti i componenti (veicoli, telecamere e droni) possono interagire fra di loro.

I dati dei veicoli possono inoltre essere utilizzati per prevedere i guasti, o eventualmente per porvi rimedio in materia rapida, evitando tempi di fermo e costose riparazioni.