Home Ambiente Biodiversità AQUALIFE, per...

AQUALIFE, per valutare la biodiversità

Parco Nazionale del Gran Sasso

Nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga sono partite le ricerche sul campo da parte dello staff scientifico impegnato a studiare gli ambienti acquatici sotterranei

•• Sviluppare e divulgare un sistema di indicatori, innovativo e di facile utilizzo, per la valutazione dello stato della biodiversità degli ecosistemi dipendenti dalle acque sotterranee. Questo l’obiettivo che ha spinto all’opera, durante l’estate, il gruppo di ricercatori di AQUALIFE, il nuovo progetto finanziato dal programma comunitario LIFE del quale il Parco Gran Sasso Laga è beneficiario coordinatore e che conta su un budget totale di 1.705.964 euro, di cui 848.585 euro finanziati dall’Unione Europea.

I siti da monitorare

A fronte di una Direttiva Comunitaria (2006/118/CE) sulla protezione delle acque sotterranee dall’inquinamento e dal deterioramento, non fa riscontro alcuno strumento di valutazione per misurare il livello di biodiversità negli ambienti acquatici sotterranei, il tasso di perdita di biodiversità e la correlazione con le attività antropiche svolte in superficie ma che influenzano profondamente le acque sotterranee.

Il progetto, che vede all’opera sei giovani ricercatori (dottorandi e borsisti) coordinati dalla prof.ssa Diana Galassi, docente di zoologia presso il Dipartimento MESVA dell’Università degli Studi de L’Aquila, è già stato presentato con un eccellente riscontro, nel corso della XII Conferenza Internazionale sui Copepoda che si è tenuta a Seul (Corea del Sud) dal 14 al 18 luglio scorso.

Dal mese di agosto, l’équipe della professoressa Galassi, in collaborazione con tecnici del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e con geologi dell’Università «Sapienza» di Roma, ha avviato una campagna di indagini sul campo su scala regionale, al fine di individuare i siti che andranno a far parte della rete di monitoraggio per la creazione del sistema di indicatori. Sono stati effettuati campionamenti in siti «reference» nel territorio del Parco del Gran Sasso e lungo il fiume Sagittario.

Roberta Di Giuli

[04 Set 2014]