Home Ambiente Ecomondo e Ke...

Ecomondo e Key Energy: il punto sull’economia circolare e le energie rinnovabili

Torna dal 26 al 29 ottobre alla Fiera di Rimini un appuntamento strategico sulle tecnologie e le strategie per la sostenibilità ambientale. Ricco il calendario dei Convegni e vasta l’area espositiva. Racconta l’evento, nell’intervista rilasciataci Alessandra Astolfi, Group Exhibition manager di IEG

 

Ecomondo e Key Energy sono alle porte. Il 26 ottobre alla fiera di Rimini si alzerà il sipario sul grande evento di Italian Exhibition Group dedicato all’economia circolare e alle energie rinnovabili. Cosa dobbiamo aspettarci per questo appuntamento?

Si tratta di un appuntamento essenziale per le imprese dell’economia circolare e delle energie rinnovabili – ci spiega Alessandra Astolfi, Group Exhibition manager di IEG che torna in presenza con mille brand in esposizione e un’occupazione della superficie che si attesta al 90% rispetto ai livelli del 2019. Queste edizioni di Ecomondo e Key Energy si svolgono nel contesto delimitato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, di stringente attualità. Inoltre, i comitati scientifici delle due manifestazioni sono riusciti a intensificare l’apporto della Commissione europea al calendario dei nostri convegni. Dunque, chi verrà a Rimini, vedrà arricchiti gli spazi contenutistici, ma anche quelli espositivi, con tutte le filiere ben rappresentate e novità che rendono ancora più completo e coerente il panorama delle tecnologie che puntano alla sostenibilità ambientale”.

 La pandemia ha portato con se’ anche un’accelerazione del percorso di transizione ecologica. Trova riscontro di questo nelle attività che si svolgeranno in fiera?

“Assolutamente sì. Nei tantissimi convegni, tutti di alto profilo, coordinati dai comitati scientifici presieduti per Ecomondo dal prof. Fabio Fava e per Key Energy dal prof. Gianni Silvestrini, vedremo come l’innovazione tecnologica vada armonizzata con le normative. Questo è il piano dell’impresa, della ricerca, della politica economica e industriale europea e nazionale. Poi c’è la sensibilità sempre più diffusa nel tessuto della nostra società, e dei giovani in particolare, per la salvaguardia del Pianeta. Ecco, Ecomondo e Key Energy rappresentano queste sensibilità per il mercato italiano ed euro-mediterraneo internazionale. Ma non è solo questione di mercato. Portiamo a Rimini gli attori di un mutamento di paradigma profondo che incide sempre più sulla nostra quotidianità. Recuperare, riutilizzare, dare nuova vita ai materiali, inquinare meno, recuperare plastiche dai mari, produrre energia pulita è una missione comune. Nessuna generazione vi si può sottrarre”.

Nella ricca offerta di iniziative che l’evento propone, sia come contenuti che come esposizione, quali appuntamenti ritiene assolutamente irrinunciabili?

“Gli appuntamenti sono numerosi e tutti molto interessanti. Mi piace ad esempio menzionare «Sustainable City», il progetto dedicato alle città del futuro di Key Energy. L’evento, che ritorna in questa edizione in un suo padiglione dedicato (il D6), ha come partner Ancitel Energia e Ambiente e i Borghi più belli d’Italia, con i quali vengono organizzati business meeting tra aziende e Pubblica amministrazioni in una lounge dedicata. E poi «SAL.VE», il salone biennale del veicolo ecologico, organizzato in partnership con ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica). Da non dimenticare gli Stati Generali della Green Economy 2021, arrivati alla decima edizione, che si svolgeranno il 26 e 27 ottobre. Proprio per celebrare l’anniversario, sono dedicati al tema «Dieci anni di Green Economy italiana: i risultati raggiunti e il ruolo strategico al 2030» e analizzeranno i progressi compiuti dalla green economy in Italia nel decennio passato e le sfide per il prossimo decennio di cruciale importanza per arrivare alla neutralità climatica. Inoltre, IEG lancia il progetto «Africa Green Growth» per favorire le relazioni commerciali tra imprese italiane e Paesi proiettati verso un modello di sviluppo sostenibile in quel continente attraverso le tecnologie verdi ed evidenziare il ruolo che l’energia eolica assumerà in futuro nel mix energetico del continente africano. Un progetto che annovera il supporto di ICE Agenzia e che coinvolge moltissimi Paesi. Per la fiera, tra presenti e collegati, avremo 220 buyer esteri”.

[ Roberta Di Giuli ]