Home Ambiente Symbiosis, un...

Symbiosis, un progetto del viver bene

Ambiente e tecnologia nel nuovo business district Symbiosis di Milano. Per la riqualificazione dell’area la realizzazione di edifici decisamente green. E per la climatizzazione arriva Mitsubishi Electric

Siamo alla fase due dell’ambizioso progetto che vede la riqualificazione edilizia dell’ex area industriale adiacente la Fondazione Prada di Milano. Dopo l’inaugurazione, lo scorso autunno, della piazza di 13.000 mq dedicata ad Adriano Olivetti, si mette mano a Symbiosis il complesso edilizio, sviluppato da Covivio, che coprirà una superficie totale di 125.000 mq e che diverrà il nuovo business district tecnologico e green di Milano.

Il luogo, che prenderà presto l’aspetto di un vero e proprio quartiere, ospiterà uffici, servizi, aree verdi e tanta tecnologia. Con un approccio innovativo si cercheranno le migliori soluzioni ambientali a cominciare dalla necessità di abbattere le emissioni inquinanti di edifici e mezzi di trasporto per migliorare la qualità dell’aria e la vivibilità.

Ricordiamo che Symbiosis è protagonista di Sharing Cities, progetto europeo per la riqualificazione del quartiere Porta Romana-Vettabbia, inserito all’interno del programma di ricerca e innovazione Horizon 2020.

Strategie di sostenibilità

Nella parte già edificata l’effetto isola di calore viene mitigato dalla presenza di ampie aree verdi e dall’utilizzo di materiali riflettenti in copertura. Le acque meteoriche sono raccolte in una vasca di laminazione dedicata e vengono recuperate per l’irrigazione dei giardini. L’altezza interna degli uffici, superiore a 3 metri, e l’assenza di controsoffitti permettono una diffusione ottimale della luce naturale a tutto il piano, migliorano la circolazione dell’aria e aumentano il comfort in tutti gli spazi.

Comfort garantito durante tutto l’anno grazie a un impianto di climatizzazione centralizzato basato su 5 pompe di calore polivalenti di tipo ERACS2-Q Mitsubishi Electric a marchio Climaveneta. Le unità, condensate ad aria, producono fluidi caldi e freddi, anche simultaneamente, garantendo un consistente recupero del calore, altrimenti disperso, e quindi una elevata efficienza energetica. Le pompe di calore sono state selezionate nella versione premium XL-CA-E, che riassume in un’unica unità i minori livelli sonori del mercato e la massima efficienza in tutti i modi di funzionamento possibili.

L’ing. Bosetti, dello studio Planning, che ha curato la progettazione degli impianti meccanici afferma: “Un progetto innovativo come quello di Symbiosis necessitava di un impianto di climatizzazione efficiente e sostenibile, che riuscisse a coniugare flessibilità e performance in linea con le aspettative della proprietà e dei tenants più esigenti.”

La ventilazione meccanica controllata è garantita da unità per il trattamento dell’aria primaria che oltre a garantire il rinnovo dell’aria ambiente permettono il controllo dell’umidità relativa. Le unità inoltre sono in grado di funzionare in modalità free-cooling provvedendo ad un raffrescamento gratuito degli ambienti quando le condizioni esterne lo permettono.

L’intero impianto è controllato e ottimizzato da ClimaPRO di Mitsubishi Electric con il brand Climaveneta, che assicura la gestione e l’ottimizzazione dell’intera sala macchine controllando ogni singolo componente direttamente coinvolto nella produzione e nella distribuzione dell’energia termica e frigorifera. Grazie a questo sistema ogni tenant è in grado di monitorare in tempo reale i propri consumi di energia termica e frigorifera.

[ Redazione PROTECTAweb ]